Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for luglio 2012

L’esercizio mentale a cui intendo sottopormi, è assai semplice, tuttavia a volte capita che presi dal logorio della vita moderna o semplicemente perché ci si è fatto l’abitudine, non ci si rende più conto del significato di certe parole, del loro vero contenuto, del loro valore e dell’influenza che hanno o dovrebbero avere sulla nostra vita!

Tale esercizio lo possiamo estendere a qualsiasi espressione della nostra vita, di tipo sentimentale, economico, squisitamente letterario, pedagogico, politico-sociale…nel tentativo di dare se non una scossa almeno una diversa consapevolezza alla nostra esistenza.

Ecco, io mi vorrei soffermare sul significato e/o importanza che passa tra l’essere suddito e l’essere cittadino!

Al Liceo mi insegnarono che fu grazie alla rivoluzione francese che la condizione degli uomini si elevò e si diversificò da quella di sudditi in quella di cittadini!

Con la “Dichiarazione universale dei Diritti dell’Uomo e del Cittadino” si sancisce una volta per tutto la nuova condizione sociale, giuridica ed economica degli uomini, sino a farne, nel corso dei secoli, una condizione mentale e psicologica acquisita.

Il concetto di Cittadinanza ha subito nel corso dei secoli, diversi attacchi e diversificazioni sul tema, a partire dalla rivoluzione sovietica, passando attraverso varie rivoluzioni industriali, qualcuna di tipo culturale e due guerre mondiali per continuare a “evolversi” nell’ambito di una globalizzazione che mentre da un lato né svuota i contenuti Nazionali, dall’altro non riesce a sostituirli con quelli non dico internazionali ma quanto meno europei.

Essere cittadino, vuol dire essere pieno titolare di diritti civili e politici e di altre situazioni giuridiche attive che direttamente l’Ordinamento Giuridico Riconosce e Garantisce, tale condizione si differenzia da quella di suddito in quanto tale titolare unicamente di “situazioni giuridiche”, anche se il termine è improprio, solamente passive, cioè doveri e soggezioni.

La condizione di cittadino implica: 1- Diritti politici, relativi alla partecipazione dei cittadini al governo dello Stato; 2- Diritti civili, a cui corrispondono una limitazione dei poteri dello Stato e che si traducono in libertà personale, uguaglianza di fronte alla legge, di movimento, di riunione, di associazione, di coscienza e di religione, il diritto a non essere privati arbitrariamente della proprietà…etc; 3- diritti sociali, che impongono alle Istituzioni di fare, erogare delle prestazioni di tipo sociale contro la disoccupazione, la malattia, la vecchiaia, per un diritto al lavoro, alla salute, all’istruzione alla sicurezza…etc.

Ma a questo punto, lì conti non mi tornano!

Rilevo con rammarico che la nostra condizione è più vicina a quella di sudditi che a quella di cittadini, gli stessi stati nazionali stanno perdendo o barattando, quote importanti della loro sovranità e con essa quella dei cittadini che né costituiscono la struttura portante, verso sovrastrutture non democraticamente elette, in poche parole gli stati stanno cedendo, sotto il ricatto del capitale, la propria persona giuridica a organizzazioni sovranazionali che impongono la dittatura dei capitali.

Il FMI e la BCE, come è noto svolgono un ruolo primario nell’ambito dell’ economia mondiale, tramite le Sue istruttorie e i suoi suggerimenti, condizionano l’elaborazione di quei principi a cui i singoli stati, che versano in una situazione di bisogno, si devono attenere, se essi non si adeguano a tali “indicazioni”, non possono accedere a determinati finanziamenti.

Tali organi prendono le lor decisioni in base a parametri quali il bilancio di uno stato, che deve essere tendenzialmente in pareggio, la drastica riduzione della spesa pubblica, alle privatizzazioni e alla eliminazione di tutte le diseconomie, l’Organo che decide è il Consiglio dei governatori, composto da un governatore e da un supplente nominati da ciascuno degli stati membri, il bello è che tale organo delibera non in base al principio “una testa un voto” ma a quello, udite bene, udite bene “tanti voti per ciascuna testa quante sono le quote di partecipazione” le quali sono direttamente proporzionali alla ricchezza degli stati membri, e indovinate quale è lo stato che all’interno del FMI ha la maggiore quota? Gli USA, che partecipano al Fondo con una quota che è di gran lunga la maggiore di tutte le altre (!?)

Allora secondo Voi chi decide?

Chi comanda?

Altra cosa è il Consiglio di amministrazione, con funzioni esecutive ed il Direttore Generale.

Allo stesso modo funziona la Banca Mondiale, organo dell’ONU!

Il compito della Banca Mondiale è quello di concedere mutui per investimenti produttivi individuati mediante progetti specifici che sono valutati in ragione dell’importanza per l’economia di quel paese, ad un tasso di interesse variabile secondo il grado di sviluppo dei paesi che lo chiedono, il che non corrisponde alle esigenze dello sviluppo dei paesi che ne sono lontani(!?) –vedi TAV-

Altra cosa è il WTO, la cui Conferenza è caratterizzata da 202 membri rappresentanti dei singoli stati, che si riunisce ogni due anni, il Consiglio Generale, composto anch’esso dai rappresentanti degli stati membri, è convocato negli intervalli tra le riunioni della Conferenza, per svolgerne le funzioni, sono diretti dal Segretario

e dal Direttore generale; il fine istituzionale del WTO è la liberalizzazione degli scambi commerciali, esso è proteso verso la conclusione di negoziati che concernono il commercio mondiale fortemente liberalizzati, che comprendono merci, servizi e proprietà intellettuale. Ha un potere normativo, amministrativo e sanzionatorio, ne consegue che la sua influenza sull’economia del mondo, sulla finanza, sull’occupazione, sullo sviluppo, tra i dislivelli tra paesi ricchi e paesi poveri è enorme.

Avete mai sentito parlare del tracollo fraudolento della Enron, o della crisi monetaria della Turchia, al crack dell’Argentina? Per non parlare delle devastazioni ecologiche che colpiscono un po ovunque tutto il globo terrestre!

FMI, Banca mondiale, WTO, BCE, Ramonet li definiva <<l’asse del male>> e oggi anche MES, non sono nati per caso, sono il prodotto di scelte politiche mirate, operate dagli stati e dai loro governi, mediante i trattati internazionali e sono proprio tali trattati che oggi sono diventati i principali strumenti attraverso i quali tali organizzazioni sovranazionali svuotano i nostri ordinamenti nazionali svuotandoli della loro sovranità e di conseguenza la nostra condizione di cittadini.

Questa sottrazione di sovranità agli stati nazionali verso organizzazioni sovranazionali o internazionali non è stata controbilanciata da una forza sociale, forte del suffragio universale e provvista di ideali tanto forti da porsi allo stesso livello di quelli della democrazia e spinta dagli imperativi delle classi escluse dall’elettorato degli stati liberal-borghesi; questa condizione indispensabile, non si è verificata, in tal modo la sovranità è passata direttamente dallo Stato al mercato, un mercato costruito, difeso e garantito da queste organizzazioni nazionali contro cui possono ben poco le difese dei singoli stati nazionali.

Concludo con una frase che campeggiava su una mia tesina ai tempi dell’Università, tratta da un manoscritto del 1844 dal titolo <<Profitto del Capitale>> essa affermava:<< Come si diventa proprietari di capitali produttivi? Come si diventa proprietari di prodotti, creati per mezzo di questi capitali?>>: la risposta fu:<< Mediante il diritto positivo>>. I TRATTATI (!?)

Quello dei trattati, infatti chi altro potrebbe se non gli stati nazionali, disporre delle condizioni di esecutorietà degli atti giuridici?

Una sola speranza ancora ci resta, è posta in relazione al fatto che gli ordinamenti sovranazionali non dispongono ancora di strumenti adatti e idonei al controllo del territorio, non è loro lo spazio sul quale si dispiegano le funzioni sovrane che hanno ricevute dagli stati, le norme degli ordinamenti sovranazionali, i loro atti, riescono ad avere esecutorietà solo prendendola in prestito dagli stati ai quali è riservato il potere esecutivo. E’ sul territorio che gli stati esercitano il potere diretto e quello derivato da quello ceduto. E’ lo spazio che ci appartiene e non è solo dei possessori di capitali.

Se da un lato il potere sovrano si è librato sopra gli stati, questi stessi stati sono quelli delle COSTITUZIONI del secondo dopoguerra, in cui sono  sanciti il costituzionalismo dei diritti sociali, della democrazia militante per la riconquista della libertà e dell’eguaglianza.

 

Annunci

Read Full Post »

Immagine

“Un politico pensa alle prossime elezioni, uno statista alla prossima generazione

Lo sappiamo tutti, la frase è di Alcide De Gasperi, pronunciata di recente dal Presidente del Consiglio dei ministri Sen. Mario Monti.

E’ assai probabile che il Presidente Monti alluda alla Sua opera di Governo quando, con tale affermazione, vorrebbe darsi aria da statista (?!)

Traduco la frase per i mal pensanti:<< Cari italiani data la delicatissima situazione italiana e internazionale, sappiate che il mio governo, e probabilmente quelli a seguire, non produrranno nessun risultato reale che possa tradursi in qualche vantaggio per gli italiani, tutti gli indici fondamentali dallo SPRED al PIL alla disoccupazione, all’inflazione, per non parlare del crollo dello Stato Sociale, non miglioreranno, anzi c’è da aspettarsi il peggio. Nonostante i sacrifici che vi ho chiesto e vi chiederò, sappiate che nel breve-medio periodo la situazione non migliorerà!

Sono dispiaciuto per tutti coloro che attualmente versano in una precaria situazione socio-economica e per tutti coloro che stanno velocemente scivolando verso fasce sociali sempre più miserevoli, purtroppo la sfiga ha fatto nascere e vivere costoro nel momento sbagliato, nel posto sbagliato, con una classe politica pessima; ma io sto lavorando per tutti costoro al fine di assicurare, se non a loro, almeno ai propri figli, per alcuni i nipoti, un futuro migliore, perché questo è il compito di uno statista quale io sono!

No, non è la classica carota che viene posta davanti all’asino per indurlo a camminare, ma semplicemente una nuova visione del mondo e della vita.

Io ho davanti a me un sogno, che un giorno sulle rosse colline dell’Italia i figli di coloro che un tempo furono comunisti e i figli di coloro che un tempo erano capitalisti, sapranno sedere insieme al tavolo della fratellanza.

Io ho davanti a me un sogno, che un giorno perfino lo stato della Padania, uno stato colmo dell’arroganza dell’ingiustizia, colmo dell’arroganza dell’oppressione, si trasformerà in un’oasi di libertà e giustizia.

Io ho davanti a me un sogno, che i miei quattro figli piccoli vivranno un giorno in una nazione nella quale non saranno giudicati se sono del Nord, Centro o del Sud, ma per le qualità del loro carattere. Ho davanti a me un sogno, oggi!.

Io ho davanti a me un sogno, che un giorno ogni valle sarà esaltata, ogni collina e ogni montagna saranno umiliate, i luoghi scabri saranno fatti piani e i luoghi tortuosi raddrizzati e la gloria del Signore si mostrerà e tutti gli essere viventi, insieme, la vedranno. E’ questa la nostra speranza. Questa è la fede con la quale io mi avvio verso il Sud.

Con questa fede saremo in grado di strappare alla montagna della disperazione una pietra di speranza. Con questa fede saremo in grado di trasformare le stridenti discordie della nostra nazione in una bellissima sinfonia di fratellanza.

Con questa fede saremo in grado di lavorare insieme, di pregare insieme, di lottare insieme, di andare insieme in carcere, di difendere insieme la libertà, sapendo che un giorno saremo liberi. Quello sarà il giorno in cui tutti i figli di Dio sapranno cantare con significati nuovi: paese mio, di te, dolce terra di libertà, di te io canto; terra dove morirono i miei padri, terra orgoglio del pellegrino, da ogni pendice di montagna risuoni la libertà; e se l’Italia vuole essere una grande nazione possa questo accadere.

E quando lasciamo risuonare la libertà, quando le permettiamo di risuonare da ogni villaggio e da ogni borgo, da ogni stato e da ogni città, acceleriamo anche quel giorno in cui tutti i figli di Dio, meridionali e settentrionali, capitalisti e comunisti, gay ed eterosessuali, sapranno unire le mani e cantare con le parole del vecchio spiritual: “Liberi finalmente, liberi finalmente; grazie Dio Onnipotente, siamo liberi finalmente”.

I have a dream, questo è il sogno di un grande statista!>>

Read Full Post »

Immagine

 

Poche semplici parole per ricordare un amico.

 

Non trovo le parole per descrivere quel viso fatto per incantare il mondo, più vicino a chi vivrebbe d’arte e non di quella giurisprudenza a cui ti eri prestato più per curiosità che per indole estetica, la stessa che avrebbe fatto rabbrividire i migliori attori di Hollywood, ma non finisce qui!

 

Abile affabulatore, con quell’aria scanzonata capace di coinvolgere i più ipocondriaci in avventure indimenticabili, e dopo un po’ attento osservatore degli istanti che lo circondavano sino a farne uno strumento di vita per tutti coloro che riuscivano a intravedere un suo sorriso.

 

Troppo giovane, con tanti affetti ancora da coltivare e condividere, con alcuni sogni lasciati in sospeso, con alcune speranze ormai sgretolate in una clessidra senza tempo.

 

Hai anticipato i tempi, hai sintetizzato i ricordi, hai annichilito la tristezza svoltando silenziosamente verso un viale oscuro, portandoti con te una piccola parte di ciascuno di noi che ora qui silenziosamente elaboriamo nella nostra memoria quel che resta di un tuo sorriso e di quel dolore che sa saprà della tua assenza… … …

 

Ciao Diego!

Immagine

Read Full Post »

IL BARATRO?!!!!!!!!!!!!!!

IL BARATRO?!!!!!!!!!!!!!!.

Read Full Post »

Immagine

UN TUFFO DOVE L’ACQUA è Più BLU, NIENTE DI Più… … …

A presto, ciao…

Read Full Post »


La mia sintetica visione della musica
Fare musica vuol dire essenzialmente comporre musica, ossia suoni che scaturiscono dalla magica combinazione di 7 note!
Molti usano la musica per dire delle cose, la voce è uno strumento musicale tra i tanti!
Quando trovi una composizione in cui musica e testo riescono a darti forti sensazioni, allora hai trovato una bella canzone.
Se voglio ascoltare musica, ascolto e compro musica, se voglio ascoltare belle parole, mi compro un libro, magari di poesie!!!
Con questo voglio dire che non mi piacciono quei cantanti, molti cantautori, che sanno scrivere bei testi ma non li sanno rendere in musica, non sanno suonare!?
Dico io perchè non scrivete un libro?!
E’la finite di ammorbarci con i vostri lamenti…?!
Esempio: ascoltate questo vecchio, vecchio pezzo del grande Giorgio Gaber, testo attualissimo con un arrangiamento vagamente funky-jazz.
Peccato che non abbia trovato altre versioni!
Ahh, dimenticavo, un saluto a Vinicio Capossela…quale turbamento…!?

Read Full Post »