Feeds:
Articoli
Commenti

8b1dfb196322856dbff71c1848e7cd60

Charles Bukoswski affermò:<< Il problema è che le persone intelligenti sono piene di dubbi mentre le persone stupide sono piene di sicurezza>>: Questa frase può rappresentare un monito per molti, ed essere usata nei diversi settori che compongono la nostra vita, lavoro, amicizie, amore. Non c’è da essere pessimisti oppure ottimisti, introversi o estroversi, ma probabilmente essere cauti e saggi quando poi c’è da fare una scelta importante!

La stessa affermazione di Bukowski se trasferita in campo politico, potrebbe rappresentare un buon viatico per intraprendere la strada giusta, soprattutto quando c’è da fare una scelta elettorale!?

Recarsi nell’urna con la convinzione che si sta facendo la scelta giusta, oggi per me rappresenta una vera utopia, siamo nel campo delle illusioni, quelle che ti fanno vedere cose che non esistono o per lo meno te le fanno sembrare più grandi e importanti! Almeno riterrei che anche alla luce dei risultati sino ad oggi prodotti, uno spirito più critico sarebbe più costruttivo contro chi pretende di voler migliorare la TUA VITA!

In linea generale la scelta di chi votare è posta in relazione alla convinzione che quegli uomini, quel partito o quella coalizione siano il meglio per noi e che in quel momento il Paese può offrire!? Quindi pensiamo prima al nostro interesse, poi a quello della nostra città, della nostra regione, del nostro Paese, dell’Unione Europea e poi al mondo intero!!! Probabilmente se ragionassimo in senso opposto partendo dal mondo intero per arrivare a noi stessi, i risultati sarebbero sicuramente migliori!!! Bisogna avere una visione complessiva del mondo per capire il ruolo che noi vi vogliamo svolgere!

Nel votare noi sintetizziamo un pò il nostro essere, la nostra cultura, le nostre esperienze, le nostre emozioni, traducendole in uno stile di vita che noi riteniamo giusto per noi stessi e per gli altri, e si sa, in democrazia le maggioranze sono destinate a condizionare la vita anche delle minoranze! Ed anche per questa ragione, cioè che con il voto non solo decidiamo per noi, ma anche per gli altri, è molto importante averne cura, fare attenzione perché la responsabilità che ci viene offerta sia usata in maniera costruttiva.

Con le ultime leggi elettorali, il diritto al voto, è stato umiliato, offeso, annichilito, ma nonostante tutto ciò non ci impone il dovere di arrenderci, non fosse altro che per dare un segnale, un urlo, mai una preghiera!

Il diritto/dovere al voto, a cui quote sempre più vaste di italiani stanno rinunciando, constatandone l’inutilità, rappresenta un eccezionale strumento con cui, al di là del valore politico, ideologico, culturale o economico che vi si vuole dare, interpreta il più plastico esempio con cui riaffermiamo il diritto di uomini liberi da qualsiasi costrizione fisica, psicologica ed economica, la sete di libertà, di eguaglianza e di solidarietà, in una sola parola votando mettiamo in gioco il nostro onore, che non è contrattabile o mercificabile o condizionabile da ipocrite opinioni, giochi di parole o improbabili speranze, e se veniamo traditi, non si torna più indietro… … …!!!

12cb49fbcbd0b19426596df9381cdeaa

Spesso sento parlare persone, addetti ai lavori o meno, che non conoscono bene quello di cui stanno parlando!

Vorrei sinteticamente ribadire un concetto che ho già espresso in miei precedenti post circa i diritti acquisiti, che tanti benefici o danni, a seconda dei punti di vista, stanno arrecando al sistema Italia!

Dunque:<< I diritti acquisiti sono diritti acquisiti tramite legge ordinaria e non sono diritti costituzionali che godono giustamente di una maggiore tutela, altra cosa è la loro disapplicazione! I diritti acquisiti in quanto legge ordinaria sono naturalmente soggetti a un processo di nascita, vita e morte. Quindi essi si possono, anzi aggiungono si devono modificare, infatti già esistono diverse sentenze da parte della Cassazione, che ricordo giudica sull’esatta applicazione delle norme di diritto processuale e sostanziale, è quindi giudice di legittimità, in cui si parla sempre più spesso di “jus superveniens” ossia della necessità per questioni di equità e uguaglianza  di modificare diritti acquisiti se posti in relazioni al cambiamento delle condizioni economiche, finanziarie e sociali di un Paese. In materia civile l’irretroattività della legge sancita dall’art. 11 delle disposizioni preliminari, può derogare, per cui una legge ordinaria potrebbe contenere una deroga al principio di avere effetti retroattivi>>:

Tutto il resto sono le chiacchiere dei soliti egoisti e abbuffini!!!

Presumo di essere stato chiaro, sintetico ed efficace!!!???

Quod%20me%20nutrit%20me%20destruit_21

Chi ha cura della propria formazione, studia, si aggiorna, ascolta, fa costantemente operazioni di confronto, seleziona e sintetizza. In queste operazioni conta molto l’humus culturale e sociale in cui il soggetto è cresciuto e le condizioni economiche in cui egli si trova! Nell’ambito di questo processo le inclinazioni caratteriali e psicologiche delle persone, umili o arroganti, generosi o egoisti, onesti o disonesti, acculturati o ignoranti, pazienti o impazienti, ottimisti o pessimisti, ingenui o furbi nel loro insieme contribuiranno a determinare, soprattutto nell’ambito dei processi di massa, le scelte politiche, economiche e culturali di un Paese, tale processo è quello sintetizzato dal determinismo storico anche da parte di Hegel!

La situazione politica ed economica dell’Italia è il coagulo di questo processo che a tratti, vedi fascismo, vedi comunismo, vedi capitalismo e più in piccolo berlusconismo e renzismo è diventato pericoloso!

La risultante di questo ragionamento è che oggi l’Italia a causa dei suoi elettori è un Paese in piena crisi! Quando si parla di crisi, bisogna avere una profonda consapevolezza dell’entità della crisi, che naturalmente prescinde da quella che può essere la nostra situazione economico-finanziaria! In Italia così come in buona parte dei paesi europei, il problema dei problemi è il debito pubblico, quella “cosa” in virtù della quale, ormai da anni, ci vengono chiesti enormi sacrifici, che si sa, in buona parte vengono pagati dal ceto medio e pensionati, ho detto in buona parte!? E’ ovvio chiedersi a questo punto cosa è il debito pubblico, come si è formato e chi sono i principali responsabili!?

Il debito pubblico in economia è il debito che uno Stato ha contratto nei confronti di un altro Stato o impresa, vedi banche; il debito pubblico dell’Italia è passato dal 2005 a gennaio 2015 – espresso in milioni di euro – da 1.512.779 a 2.165.900 (fonte ISTAT), cioè è sempre aumentato, i protagonisti di questa escalation sono i Governi che sino ad oggi si sono avvicendati, passati e presenti! Ma il problema non si limita unicamente al fatto che in passato “abbiamo vissuto” al di sopra delle nostre possibilità, politiche keinesiane a parte, ma al fatto che una buona parte di questo debito pubblico è formato da derivati! I derivati sono strumenti di pura speculazione finanziaria, e con il tempo sono diventati sempre più sofisticati e incontrollabili! In pratica cosa sono?! Supponiamo di prenotare una vacanza, versiamo una caparra! Se poi in vacanza non ci possiamo più andare, perdiamo la caparra e quindi anche la vacanza!!! La caparra è il derivato! Il caso più eclatante, oggetto delle indagini della procura di Trani, è quello del pagamento durante il governo Monti alla Morgan Stanley, di 2,4 miliardi sulla scia di anomale analisi da parte di due agenzie di rating statunitense Standard & Poor’s e Fitch, entrambe accusate di avere manipolato scientemente i dati allo scopo di scatenare la speculazione internazionale contro i titoli di Stato italiani. 

Possiamo quindi facilmente intuire che l’Italia non sarà mai in grado di sanare il suo debito pubblico e quindi di superare la crisi per le seguenti ragioni:

  • Entità del debito! Solo di interessi l’Italia paga circa 100 miliardi all’anno!
  • Composizione del debito, titoli tossici oggetto di una crescente speculazione internazionale!
  • L’impossibilità di superare il vincolo del 3% sul deficit, imposto dal patto di stabilità!

 

In questo contesto l’Unione Europea o meglio la Commissione cosa fa?! Spinge affinchè gli Stati debitori paghino i loro debiti nei confronti di altri Stati e quindi delle banche. L’Italia i soldi non li ha per sanare questo deficit, non li potrà mai avere!!! Intanto però massacra la collettività di tasse, lo Stato Sociale va sempre più in malora, l’economia langue nonostante alcune condizioni internazionali favorevoli e la disoccupazione è in costante aumento per fasce e proporzioni!

Se la U.E. curasse gli altri problemi dell’Europa come cura gli interessi delle banche, saremo a cavallo!!!

 

Dall’altro lato sempre l’Unione Europea, nel rispetto del patto di stabilità, spinge affinchè si facciano quelle riforme che possano modificare il trend negativo dell’Italia, ma la maggior parte delle riforme che si sono fatte e si faranno si scontreranno contro i diritti acquisiti, lo è stato per il porcellum, lo è per la Legge Fornero, lo sarà nei confronti dell’Italicum, sulla delibera per i vitalizi dei politici condannati con sentenza passata in 

giudicato e vedete cosa vi dico, anche nei confronti degli ottanta euro in busta paga e per alcuni articoli del job-act!?

 

Ora rendiamoci conto una buona volta di tutti i nostri limiti!?

Abbiamo una classe politica impreparata, selezionata in maniera indecente che produce risultati deplorevoli!

Mica pensate che Razzi o Sposetti siano un’eccezione?!

Dove pensano di arrivare gli italiani di questo passo?!

Almeno mi piacerebbe, a titolo esclusivamente morale, che la casta rinunciasse, così come hanno fatto i cinque stelle, a un po del loro stipendio, dei loro privilegi o emolumenti, così per solidarietà nei confronti di quella povera gente che non c’è la fa più! E passare ai consiglieri regionali e poi ai dirigenti e funzionari e poi al piano Cottarelli, così per dare un segnale un esempio!!!??? E invece no!? La casta è sempre lì in prima linea a difendere se stessa prima di qualsiasi idea o principio, convinti che con qualche parola o twett si possa salvare il Paese e il popolo risponde con altre mille parole e twett e i giornali rincalzano, fino a essere sepolti da un mare di cazzate che non servono a guarire il Paese, perché in fondo il Paese Italia è stato abituato a cibarsi con il proprio veleno!

:<< Quod me nutrit me destruit>>:

Favola serale

Una volta un re fece una festa e c’erano le principesse più belle del regno. Ma un soldato che faceva la guardia vide passare la figlia del re. Era la più bella di tutte e se ne innamorò subito. Ma che poteva fare un povero soldato a paragone colla figlia del re! Basta! Ma, finalmente, un giorno riuscì a incontrarla e le disse che non poteva più vivere senza di lei. E la principessa fu così impressionata del suo forte sentimento che disse al soldato: “Se saprai aspettare cento giorni e cento notti sotto il mio balcone, alla fine, io sarò tua!”
Ma, subito il soldato se ne andò là e aspettò un giorno, due giorni e dieci e poi venti. Ogni sera la principessa controllava dalla finestra ma quello non si muoveva mai. Con la pioggia, con il vento, colla neve era sempre là. Gli uccelli ci cacavano in testa e le api se lo mangiavano vivo ma lui non si muoveva. Dopo novanta notti era diventato tutto secco, bianco e gli scendevano le lacrime dagli occhi e non poteva trattenerle poiché non aveva più la forza nemmeno per dormire… mentre la principessa sempre lo guardava. E arrivati alla novantanovesima notte il soldato si alzò, si prese la sedia e se ne andò via.

 

A buon intenditore poche parole…!?

c371a349fcb34bf87ddd544b28e68f6e

Questa non è una crisi economica. Spiegata la fretta di Renzi sull’Italicum.

Questa non è una crisi economica, ma è uno strumento, un processo voluto e pianificato per arrivare a sostituire la zootecnia alla politica, ossia per poter governare la popolazione terrestre con la padronanza, sicurezza e assenza di resistenza con cui si governa il bestiame nella stalla o i polli in batteria. E per arrivare e a ciò con la collaborazione della gente, facendole credere che le riforme siano tutte scelte scientifiche razionali e magari anche democratiche (l’aspetto didattico-ideologico, la dottrina dei mercati sani e disciplinanti, la deregulation, la globalisation, la competizione via deflazione salariale). E’ l’ingegneria sociale della decrescita infelice che descrivevo, cinque anni fa, nel saggio Oligarchia per popoli superflui.

Questo processo è stato avviato dalla metà degli anni ’70, mediante una serie di precise scelte: un preciso modello economico, una serie di riforme legislative, di lungo respiro (soprattutto la deregolamentazione del settore bancario, l’indipendenza delle banche centrali, la privatizzazione del rifinanziamento del debito pubblico), che si sapeva benissimo che cosa avrebbero prodotto, ossia una società e un’economia reale permanentemente in balia dei mercati e ricattabili dagli speculatori finanziari. Una crescente concentrazione di quote di reddito, quote di ricchezza, quote di potere, nelle mani dei pochi che decidono. Tutti gli altri soggetti (cioè Stati, imprese, famiglie, pensionati, disoccupati…) permanentemente con l’acqua alla gola, impoveriti, costretti ad obbedire, ad accettare, come condizione per una boccata d’aria o di quantitative easing, dosi ulteriori di quelle medesime riforme. Dosi ulteriori di concentrazione di ricchezza e potenza, di oligarchia tecnocratica irresponsabile e senza partecipazione dal basso, senza controllo democratico. Senza garanzie costituzionali. Era tutto intenzionale. Infatti, nessuno dei meccanismi finanziari che hanno prodotto e mantengono l’apparente crisi è stato rimosso, dopo visti i danni che facevano, nemmeno la possibilità per le banche di giocare in borsa coi soldi dei risparmiatori.

Anche l’euro si sapeva benissimo che cosa avrebbe prodotto, in base a ripetute esperienze precedenti con il blocco dei cambi tra paesi economicamente dissimili. E’ stato introdotto come strumento per creare una certa situazione.

Tutto questo non è un incidente, una crisi, un cigno nero, bensì un’operazione di potenziamento e razionalizzazione tecnologica del controllo sociale; non mira banalmente al profitto economico, il quale ormai è un concetto superato da quando la ricchezza si produce con metodi contabili ed elettronici nel gioco di sponda tra banche e governi, che possono creare tanto denaro quanto vogliono. Mira all’ottimizzazione tecnologica e giuridica del dominio sociale.

Non è una crisi, e soprattutto non è una crisi economica, signori economisti; sicché affannarsi a proporre ingegnose soluzioni sul piano economico e monetario è incongruo, improduttivo. Infatti non vi danno retta, coloro che prendono le decisioni.

Non è qualcosa di accidentale, non stanno cercando di uscirne: è un processo guidato verso un obiettivo preciso e già ampiamente conseguito, un processo a cui nessuna forza politica o morale può opporsi efficacemente, dati i rapporti di forza; e l’unica speranza sta nella possibilità che esso sfugga di mano ai suoi strateghi e ingegneri, per la sua stessa complessità e dinamicità.

La fascistoide riforma costituzionale ed elettorale di Renzi – diciamo di Renzi, ma sappiamo che le riforme strutturali in Italia le detta Francoforte, nell’interesse di padroni stranieri, e che da qualche tempo i primi ministri italiani agiscono su suo mandato – è un tassello italiano di questa strategia zootecnica, disegnato per consentire la gestione dell’intero paese attraverso un’unica persona, un unico organo istituzionale, il Primo Ministro, che assommerà in sé i poteri politici senza contrappesi e controlli indipendenti. I tempi forzati in cui la detta riforma “deve” venire attuata, sono verosimilmente in relazione al tempo per cui si calcola che la situazione italiana possa reggere, prima che vengano  meno le condizioni esterne molto favorevoli oggi presenti, prima che arrivino pesanti scadenze finanziarie (perdite su contratti derivati sul debito pubblico per centinaia di miliardi), prima che si dissolva l’impressione popolare di incipiente ripresa e che si renda necessario imporre nuovi e impopolare i sacrifici.

Quando ciò avverrà, si scateneranno forti tensioni sociali e si calcola di poterle reprimere e contenere grazie a una riforma costituzionale di tipo autoritario, a un governo “forte”, autocratico. Renzi non è un dittatore, è solo un esecutore teleguidato, di modestissime capacità proprie, costruito col marketing. Ma sta preparando il posto di comando per il dittatore che verrà dopo di lui. Ecco il perché della fiducia posta dal governo sull’Italicum, una riforma elettorale che andrà in vigore nel 2016, sicché non ci dovrebbe essere fretta ad approvarla; ma in realtà c’è molta fretta, perché proprio nel 2016 finirà il quantitative easing assieme agli effetti benefici della svalutazione dell’euro, e allora il quadro potrebbe saltare, bisogna avere tutto pronto. Renzi, se vuole continuare a ricevere l’appoggio su cui è costruito, deve rispettare i tempi di marcia dettatigli da chi lo ha fatto.

Ma per rispettare questi tempi, e a conferma del fatto che il suo governo come i precedenti rappresenta l’alleanza (asimmetrica) tra gli interessi della casta  italiana e quelli del padrone straniero, il governo Renzi ha bisogno di mantenere l’appoggio degli interessi parassitari legati alla politica e necessari onde ottenere i voti in parlamento sulle riforme, il che spiega perché non ha toccato i centri di spreco e ruberie come le famose società partecipate né ha proceduto alla spending review, quantunque queste siano urgenze vere. Se l’avesse fatto, la sua maggioranza si sarebbe squagliata subito. Invece il 29 e 30 aprile ben due terzi dai suoi apparenti oppositori interni gli hanno votato la fiducia sulla legge elettorale. Funziona sempre, questa irresistibile attrazione delle poltrone che galleggiano sulle spalle del Paese che affonda.

30.04.15 Marco Della Luna

P.S. Annotate e ricordatevene!

 

876877344b89651b143961f11fe19bf9 (2)

Sulla questione profughi, sulla questione rifugiati, sulla questione clandestini, sulla questione emigranti si spendono spesso parole inutili! Il problema resta anzi aumenta, senza che nessuno faccia qualcosa per risolverlo seriamente. Si specula barbaramente, ci si comporta vigliaccamente, giocando con la vita di migliaia di persone tra cui molti bambini, nell’indifferenza delle istituzioni internazionali che restano immobili di fronte a queste catastrofi umanitarie, per poi fingere di battersi il petto come ad esempio accade in Italia con la commemorazione della giornata della memoria, quando il danno è già conclamato e molti hanno partecipato alla sua realizzazione!

Non sto con chi ha lacrime di coccodrillo per le morti dei naufraghi, né con le posizioni di chi fa sciacallaggio, non condivido le posizioni della comunità internazionale, né di quella nazionale, troppo indifferenti, troppo faziosi, a dir poco speculatori sulla vita di tanta povera gente, né più né meno così come lo sono nei confronti di quelle classi europee che stanno inevitabilmente scivolando verso la povertà più estrema, nella perfetta impassibilità di tutti!

Sinceramente sono stanco di accusare la classe politica, finanziaria ed editoriale italiana e internazionale, il male risiede nel popolo che li elegge! Almeno quando può scegliere!!!???

Condivido l’affermazione di chi disse:<< Un popolo che elegge corrotti, impostori, ladri e traditori, non è vittima! E’ COMPLICE>>!

Passatevi una mano sulla coscienza… … … se ne avete ancora una!?

b3d90f1f2002fcb13a9e173590e36763

Di recente ho visto il film: La teoria del tutto, di James Marsh, dedicato alla vita dell’astrofisico inglese  Stephen Hawking, interpretato dal poi premio oscar Eddie Redmayne, eccellente la colonna sonora di Jóhann Jóhannsson.

Scusate il gioco di parole, ma la teoria del tutto, mi ha colpito del tutto! A parte la vita di Hawking, quello che oggi mi lascia maggiormente riflettere è proprio il confine che separa la religione dalla scienza, in particolar modo dall’astrofisica! Infatti sempre più spesso sentiamo chiedere a scienziati più che a preti o a filosofi la domanda:<< Se Dio esiste!!!>> Questo perché ipoteticamente l’astrofisico sarebbe in grado di dimostrare o meno l’esistenza di Dio tramite modelli matematici!? Non so quante volte ho sentito porre questa domanda a Margherita Hack…!!! Oppure pensiamo alla curiosità che si è ingenerata dalla scoperta presso il CENR di Ginevra del bosone di Higgs, altrimenti detto: la particella di Dio!

Hawking ha dichiarato:«c’è una fondamentale differenza tra la religione, che è basata sull’autorità, e la scienza, che è basata su osservazione e ragionamento. E la scienza vincerà perché funziona». Tuttavia ho l’impressione che la stragrande maggioranza di questi scienziati abbia assunto nei confronti della questione, l’esistenza di Dio, una posizione di tipo ignostico, cioè la domanda in se’ è priva di significato, perché non è possibile né verificarla né tanto meno controllarla, in sé la parola Dio è priva di significato; questo non vuol dire che l’idea di Dio sia emotivamente o esteticamente insignificante, ma è l’idea di Dio come essere a non avere senso. In pratica mentre l’agnostico non sa se Dio esiste o meno, l’ignostico non sa’ a chi o a cosa ci si riferisca quando si parla di Dio, si dichiara ignorante in materia, o per lo meno aspetta che venga data una definizione coerente di Dio per poi poter partecipare al dibattito con argomenti a favore o contro!!!-???-

Hawking ha fatto Sua l’affermazione di Voltaire secondo cui credere o non credere in Dio non è una cosa importante, anche perché non è concludente a dare nessuna spiegazione, neanche a spiegare l’origine dell’universo, e siccome un attimo prima del Big Bang non esisteva il tempo, non poteva esistere il tempo per creare il tempo o l’universo, ergo Dio non esiste! Anche se poi parlare del nulla è un’attività molto stimolante, non fosse altro per fini sociali, politici o economici, e pensare che c’è chi in nome del nulla o dell’ipoteticamente insignificante, continua a uccidere i propri simili!?

locandina

Di Ralph Waldo Emerson:

  • Ognuno dovrebbe imparare a scoprire e a tener d’occhio quel barlume di luce che gli guizza dentro la mente più che lo scintillio del firmamento dei bardi e dei sapienti. E invece ognuno dismette, senza dargli importanza, il suo pensiero, proprio perché è il suo. E intanto, in ogni opera di genio riconosciamo i nostri propri pensieri rigettati, ritornano a noi ammantati di una maestà che altri hanno saputo dar loro…
  • Ciò che importa è la vita, non l’aver vissuto. L’energia cessa nel momento o cui si posa; essa si concentra nel momento di transizione da un passato a un nuovo stato, nel superare un abisso, nel mirare a uno scopo. C’è una cosa che il mondo particolarmente ha in odio, il fatto cioè che l’anima diviene, poiché ciò degrada per sempre il passato, volge le ricchezze in povertà, ogni reputazione in vergogna, confonde il santo col briccone, spinge dalla stessa parte sia Gesù che Giuda. Perché allora discorriamo di fiducia in se stessi? Nella misura in cui l’anima è presente, vi sarà un’energia non fiduciosa ma agente. Parlare di fiducia è un misero modo esteriore di dire. Parlare piuttosto di ciò che dà fiducia in quanto opera ed esiste. Chi subisce più di me è padrone di me, pur senza alzare nemmeno un dito. Intorno a lui dovrò girare per effetto della legge di gravitazione spirituale. Quando parliamo di eminente virtù pensiamo che si tratti di un’espressione retorica. E non vediamo che virtù e Altezza, e che un uomo o una società d’uomini, plastici e permeabili ai principi, devono per legge di natura dominare e cavalcare città, nazioni, re, ricchi e poeti, che tali non siano.
  • Così come le preghiere degli uomini sono una malattia della volontà, le loro credenze sono una malattia dell’intelletto.

STOP-TTIP1

18 aprile: il mondo si mobilita contro TTIP e trattati di libero scambio
In Italia decine di iniziative, centinaia in Europa e negli USA e già domani su twitter con il TTIPtuesday si scaldano i motori in vista della giornata di azione globale

Saranno più di 300 in Europa, migliaia in tutto il mondo. Le organizzazioni in difesa dell’ambiente e della società civile si troveranno nelle piazze di più continenti, per esigere il blocco degli accordi internazionali sul commercio e gli investimenti. L’Europa e l’Italia, insieme agli Stati Uniti, chiederanno l’arresto delle trattative sul TTIP.

Sabato 18 aprile cittadini e movimenti della società civile scenderanno nelle piazze di oltre 300 città in tutto il mondo (decine in Italia), per chiedere di fermare i trattati di libero scambio con uno slogan comune: “Le persone e il pianeta prima dei profitti”. Il più importante per lo scacchiere geopolitico globale è il TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership), che gli Stati Uniti stanno discutendo in sostanziale segreto con l’Unione Europea. L’accordo prevede l’abbattimento di tutte le barriere non tariffarie al commercio, ossia normative e regolamenti a protezione di beni comuni e servizi pubblici, che le grandi compagnie multinazionali che spingono per la chiusura dell’accordo ambiscono a monetizzare. In cambio di un abbassamento degli standard qualitativi, nonostante le promesse dei promotori, gli studi più ottimistici prevedono nel caso improbabile in cui tutte le condizioni fossero soddisfatte un aumento del PIL europeo appena dello 0.5%, a partire dal 2027. Quelli meno ottimistici, una perdita di posti di lavoro in UE di minimo 600 mila unità.

Stime che non tengono conto dell’aleatorietà delle ipotesi, considerato che solo per l’Italia e per le sue politiche economiche degli ultimi anni, recenti studi della CGIL hanno mostrato scostamenti tra l’ipotizzato e il reale di più del 14%.

L’approvazione del TTIP costituirebbe l’architrave di un cambio di sistema economico che presenta forti rischi per la sostenibilità sociale e ambientale, già in pericolosa deriva. L’Italia potrebbe veder travolti i suoi settori fondamentali: agricolo, industriale, dei servizi pubblici. Più che un volano per le piccole imprese, il trattato transatlantico è la loro più grave minaccia di finire rapidamente fuori mercato. Per questo, le oltre 200 organizzazioni nazionali che hanno aderito alla Campagna Stop TTIP Italia parteciperanno alla giornata di azione globale con circa 30 iniziative in tutto il Paese. Vi saranno manifestazioni e flash mob nelle grandi città – da Roma a Milano, da Torino a Napoli, fino a Firenze – e in molti centri minori.

Sarà l’occasione per unire le voci ed esprimere un netto rifiuto nei confronti di un modello di architettura sociale che deve segnare il passo. Lo dimostra il grande movimento che si è addensato a livello comunitario, unito e deciso nel chiedere maggiore trasparenza alla Commissione Europea nel processo negoziale. E anche nel denunciare i rischi di un abbattimento dei regolamenti che si tradurrebbe in un degrado dei livelli di salute dell’ecosistema, assistenza sanitaria, accesso all’istruzione e al mondo del lavoro. In una parola, di democrazia. Oltre un milione e 700 mila cittadini europei hanno sottoscritto la petizione per chiedere alla Commissione l’immediato arresto delle trattative sul TTIP. Una raccolta di firme che prosegue intercettando il crescente consenso dell’opinione pubblica sul tema, con l’intento di tagliare il traguardo dei 2 milioni ad ottobre.

L’intenzione dei due blocchi, USA e UE, è convergere su una bozza di accordo entro quest’anno, ma la forza dell’opposizione sociale e la richiesta di maggiore trasparenza sta rallentando le decisioni. Una parte del Parlamento Europeo si è detta contraria a un’armonizzazione delle normative con quelle degli Stati Uniti, perché i rischi sono troppo alti e il processo irreversibile. Il TTIP può e deve essere fermato, come sta chiedendo da più di un anno la società civile globale. Domani, con la valanga tweet del TTIPtuesday, iniziative che ogni martedì inonda con migliaia di tweets StopTTIP gli account dei Parlamentari europei si darà il via alla settimana di iniziative che culminerà con la giornata del 18 aprile: un’altra decisiva tappa del percorso di opposizione sociale ai trattati di libero scambio.

Campagna Stop TTIP Italia

da: http://www.pressenza.com/it/2015/04/il-mondo-si-mobilita-contro-il-ttip/

P.S. In realtà quello a cui tende il sistema finanziario internazionale una volta definito gli assets industriali mondiali, fusioni, acquisizioni etc., è mettere le mani su aziende ed enti molto ricchi che fanno parte del sistema sociale e che per la loro natura renderanno sempre di più e che tendenzialmente non potranno mai fallire!!!

Sporchi dentro

Correre-al-tramonto

Quel sentiero di montagna che quando posso percorro per tenermi un pò in forma, è stato sporcato da bande di lerci soggetti!

E’ bastata una pasquetta, e il popolo dei luridi si è mosso, inzozzando tutto quello che toccavano, guardavano, o desideravano!

Vorrei semplicemente urlare tutto il mio disprezzo nei confronti di quella laida gente che ovunque passa, lascia inevitabilmente dietro di se le tracce di quel marciume e quell’olezzo di cui non si libereranno mai perché essi sono fatti della stessa materia!

Vigliacchi!!!

Do ut des!

1063ec75ffa51a8cdde8ea4d5ee8ffc8

Spesso in giurisprudenza il confine tra le diverse fattispecie giuridiche è assai sottile, tra le maglie del diritto altrettanto spesso si creano delle lesioni attraverso le quali l’illecito si realizza senza la possibilità da parte della giustizia di porvi rimedio, la conoscenza da parte di un avvocato di queste anomalie, fa di lui un buon professionista o meno!

I casi che si possono annoverare entro questa casistica sono numerosi e di diversa conformazione penale, si va dai fatti della scuola Diaz di Genova durante il G8 del 2001, alla sentenza sul magnate svizzero Stephan Schmidheiny per l’eternit in Piemonte, a casi del tipo morte di Cucchi, Aldrovandi e tanti altri ancora!

Lasciamo agli addetti ai lavori e ai posteri una seria gestione e giudizio su questi casi, quello che a me per il momento interessa analizzare è il confine che segna la responsabilità penale da quella politica!

Gli episodi che si sono verificati negli ultimi anni che rientrano in questo calcolo sono numerosi, e sono sotto gli occhi di tutti, quindi non fatemi fare nomi perché non vorrei beccarmi una denuncia!

Grosso modo conosciamo tutti i casi di corruzione, concussione, abuso di ufficio, per i quali si viene penalmente perseguiti, in realtà il nostro diritto penale li delinea molto bene, tuttavia le forme attraverso le quali si cerca di circuire il reato, stanno diventando sempre più sofisticate, così mentre ai tempi di tangentopoli e oltre, questi reati erano evidenziati dalla dazione di una mazzetta -soldi- oggi l’evidenza di questi reati è più sofisticata e subdola, in cambio di un piacere o di un favore, si offre un altro piacere o favore, in cambio di un potere si offre un altro potere, o si offre una possibilità, un regalo così come l’invito a una cena importante, dove c’è Tizio che conosce Caio che mi può presentare a Sempronio… lobbisti, massoni, camorristi e cooperative fanno il resto, naturalmente il tutto nella perfetta legalità!

Supponiamo che io sia un politico importante, e con i soldi guadagnati onestamente in anni di duro lavoro sia riuscito a comprarmi una cascina in Toscana dove mi diletto a produrre vini pregiati che un giorno mi vengono acquistati da un noto uomo politico locale che magari avrebbe potuto comprare del vino migliore da altri a prezzi molto più vantaggiosi, magari del vino locale, che male c’è?! Nessuno! Ma!?

L’Articolo 379 del Codice Penale configura il reato di favoreggiamento reale, che è il reato attribuibile a chi, pur essendo estraneo al reato commesso da altri, presti il proprio aiuto perché essi si assicurino il profitto o, in generale, i benefici per cui il reato è stato posto in essere.

Ora però se proviamo a mettere insieme le mie precedenti riflessioni, abbiamo:

  • Eliminazione della mazzetta e sostituzione di essa con piacere o favore!
  • Inesistenza del reato!
  • Realizzazione di fatto della dazione di danaro, potere o interesse!

 

La sintesi delle precedenti fattispecie configurano senz’altro un reato di tipo politico!

EPOCHE' (fotoblog di francesco)

"Io non dischiudo nè nascondo ma al contrario faccio vedere" (Eraclito)

Extra! Extra! News

Seguici anche su Facebook, Twitter e Google+

La Ciarla

Nulla dies sine linea

patrizia angelozzi

Certo, certissimo. Anzi probabile

i discutibili

perpetual beta

Sinistra News

Tutte le notizie dal mondo progressista

Alexis Avalos

Disegni. Progetti. Grafica. Photoshop e altro

Il diario di Mammatester: recensione prodotti, consigli di risparmio e di riciclo, ricette semplici

il caffè colto

Perché il caffè è più buono chiacchierando...

lurlodimunch

This WordPress.com site is the bee's knees

verde smeraldo

POSSIAMO RAGGIUNGERE OGNI SCOPO DALLA VITA, BASTA CAPIRE COME FARE E QUALI SONO I MEZZI PER FARLO....ASCOLTA TE STESSO,LA FELICITà è DENTRO TE...

magda barbieri

Tra cronaca e storia locale

#Lord's

GLAMOUR CONCEPT

Ap7 Yoga

Associazione Culturale Paganora 7

Quindi, no, non va tutto bene!

Architetture dei rapporti, (l)inge(gne)rie umane, malinconiche gangbang e fistfucking emozionali. Insomma, oscene ovvietà scritte con una quarta di seno!

cataniafashionblog

LA MODA NON LA SI SUBISCE.. LA SI FA'!!!

Se credi nei sogni, i sogni si creeranno. Credere e creare sono due parole molto simili e si assomigliano così tanto perché sono molto vicine. Così vicine che se credi, crei.

Psicologia INcambiamento

"Ciò a cui opponi resistenza persiste. Ciò che accetti può essere cambiato" Carl Gustav Jung

Macondo

"Mi stufo presto della gente in generale. Per innamorarmi ho bisogno di provare ammirazione" (Y. G.)

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

esteticanaif

"E' la vendetta della vitalità pop!"

losangelinews

I live only twice: un bambino di Mantova di via Principe Amedeo, 40

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 503 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: