Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for marzo 2015

Per vivere…

097135be7105ffd43171d455bdc36b0b

Annunci

Read Full Post »

http://matte97.tumblr.com/post/114395200253/sfogo-di-una-non-idonea

Scritto con WordPress per Android

Read Full Post »

State sereni…

Manipolazione-mediatica

La soluzione di un problema deriva innanzitutto dalla capacità del soggetto di porsi davanti ad esso con il dovuto spirito critico, il secondo passaggio è quello di avere l’onestà intellettuale in grado di riconoscere se siamo in grado di analizzarlo e quindi di risolverlo, altrimenti la stessa onestà dovrebbe suggerirci di ammettere i nostri limiti nei confronti del problema posto! In caso positivo, da un approccio di questo genere dovrebbe derivarne una profonda conoscenza della questione e delle problematiche che lo caratterizzano, dopodiché si appronteranno tutta una serie di misure che nel loro insieme incideranno sostanzialmente sulla risoluzione di buona parte del problema.

A un malato terminale di cancro, innanzitutto gli dici la verità, ha il diritto di gestirsi il tempo che gli resta nel modo che lui reputa più opportuno, poi gli dai una cura che gli servirà ad alleviare il dolore, a dilatare un pò il tempo, comunque a infondergli un pò di “speranza”! Di sicuro non gli mentirai, magari dicendogli che la cura data “con il tempo” lo guarirà, perché è proprio quello che gli manca! Comunque nel frattempo il paziente è morto e il dottore disonesto è passato ad un altro paziente, adottando la stessa tattica, la fiducia in cambio della speranza, con la differenza che mentre la fiducia genera potere e prestigio, con la speranza molta gente ci crepa!

Se proviamo ad applicare lo stesso ragionamento alla crisi economica, ad esempio a una delle tante componenti che la caratterizzano, tipo la disoccupazione, vuol dire riconoscere il problema nella sua vera entità ed approntare delle soluzioni, ho detto delle vere soluzioni, che ci sono, non mezze soluzioni o false soluzioni, soluzioni che incidano proprio per la loro vera natura sulla sostanza del problema, quindi di fronte a grossi problemi si devono offrire soluzioni strutturali, non sterili soluzioni.

Se distruggi dei diritti per costruire altri diritti, al massimo compensi, di sicuro non offri più diritti o garanzie!?

Sul tema della disoccupazione, le soluzioni di tipo strutturale non mancano, sono sia di destra che di sinistra, basta leggere qualcosa di Joseph Stigliz, Paul Krugman, Amartya Sen, Milton Friedman, Thomas Piketty, i quali hanno più volte indicato rimedi in grado di risolvere il problema radicalmente nel giro di pochi mesi, e non parlo solo di euro, tassi di cambio o patrimoniale!!!

Ma L’Italia è un paziente che non vuole sentirsi dire la verità, perché la verità fa male, ma soprattutto perchè la verità imporrebbe una seria revisione dei conti e della distribuzione delle ricchezze e delle responsabilità. Restiamo così alla mercè di finti stregoni che somministrano cure, facendocele passare come rimedi che, nel tempo… apporteranno benefici miracolosi, l’effetto placebo di queste cure, grazie anche a una mirabile opera di propaganda, la stiamo già respirando, e molti non si accorgono che l’aria che respiriamo ci sta sottraendo diritti, onore e soprattutto vita.

Non penso che le Istituzioni italiane siano fonte di giustizia sociale e intellettuale, per cui non mi aspetto che da Esse possano provenire provvedimenti in grado di rendere la società italiana più equa, onesta e solidale, permangono nonostante tutto, elementi patologici che corrodono le istituzioni stesse, burocrazia e politica innanzitutto, nonché una delle più deleterie interpretazioni del capitalismo moderno; siamo anni di luce di distanza tra noi e le idee che circolano nelle principali enclave economiche del mondo, come al Dipartimento di Economia dell’Università di Harvard, a Cambridge nel Massachusetts dove furoreggiano le idee di studiosi del calibro di Kenneth S. Rogoff, John Y. Campbell, Robert J. Barro o del probabile Nobel Andrei Shleifer, per non parlare di  James J. Heckman!

I pochi e seri intellettuali italiani rimasti, giacciono nel silenzio o nel dimenticatoio e il più delle volte si scrivono addosso opinioni senza senso, tirano a campare e si accontentano di facili stipendi e dello squallido consenso dei propri allievi.

E’ finito il tempo degli onori, conviene semplicemente restare a guardare, purtroppo impotenti, alle spudoratezze generate dal quel museo degli orrori di una società sempre più simile alle vergogne che produce!

Read Full Post »

Pompei: Crolla la casa del Gladiatore

Ho sempre pensato che lo spirito che infonde l’umanità sia sempre lo stesso, tanti fenomeni, sia negativi che positivi, nel corso dei secoli restano sempre gli stessi, quello che varia è il loro grado di percezione, che dovrebbe essere posto in relazione all’evoluzione culturale della società che modifica solo esteriormente la propria sensibilità, non fosse altro che per istinto di conservazione, mentre in realtà l’amore così come l’odio, incidono con la stessa violenza, ma lasciando tracce differenti in relazione alla presunta superiorità o immunità acquisita!

Mi spiego con un banale esempio per rendere il concetto!?

Noi italiani e sicuramente tutto il mondo resta allibito di fronte alla violenza che i terroristi dell’isis perpetuano contro statue, monumenti, musei e siti archeologici dei territori da loro occupati, che oggi più di ieri ci comunicano il grado di civiltà che alcuni popoli avevano raggiunto e che nel loro complesso rappresentano un patrimonio fondamentale dell’umanità, simboli di quella evoluzione culturale che rende la matrice umana più degna e consapevole del mortale passaggio terreno. Ebbene la stessa violenza, operata con la medesima ferocia e barbarie è quella che viene perpetuata nei confronti del più importante sito archeologico del mondo, gli scavi di Pompei. Infatti è dell’altro ieri la notizia del sequestro di circa 6 milioni di euro da parte della procura regionale della Corte dei Conti all’ex commissario per l’emergenza degli scavi archeologici di Pompei, il sig. Marcello Fiori di forza italia naturalmente, coinvolti nell’operazione anche altre nove persone tra dirigenti statali e regionali, i reati addotti sarebbero di abuso d’ufficio, frode nelle pubbliche forniture e truffa ai danni dello Stato!

Ora vorrei capire che differenza passa tra la violenza che i terroristi dell’isis, che nella loro profonda ignoranza e demenza distruggono un patrimonio innanzitutto di proprietà del loro popolo e poi dell’umanità e la violenza degli amministratori italiani che lasciano marcire, probabilmente lucrandoci sopra, quella meraviglia che sono gli scavi di Pompei?!

Eppure per molti, il livello di indignazione tra le azioni dei terroristi dell’isis presso i siti di Ninive, Mosul, Nimrud non è la stessa rispetto alla violenza fatta da funzionari e politici italiani presso il sito archeologico di Pompei!

La stessa violenza, la stessa barbarie, ma per molti una coscienza e una consapevolezza diversa!!!

 

 Piccolo consiglio!

Adoro gli scavi di Pompei, provate a visitarli in ogni stagione, la città vi offrirà sensazioni e suggestioni differenti in relazione alla stagione in cui la visitate, incantevole è in primavera, e se incomincia a piovigginare ne resterete incantati… … …nonostante tutto!!!???

Read Full Post »

crateri

il blog di eliana petrizzi

Photo Designer and Art Interior

L'Arte della fotografia intesa come espressione di vita.

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

La mia camera con vista

Un bel posto da dove guardare il mondo

Belinda Raffaeli

Sta Per Nascere Una Stella

Marco Guzzini - Tratti e Spunti

Storie, Inchiostro e Illustrazioni

PROFUMO DI DEMOCRAZIA E LIBERTA'

Verità e coerenza senza sconti per nessuno

Samantha Perazzani

Hotel, Resorts & Brands Advisor

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Célebes 3.0

La versión 3.0 (beta) de Célebes

Paradiso con due dita...

nulla è sprecato se fatto con amore =-)

federicabiasco.wordpress.com/

Mi sento un po' come un contenitore di chiacchiere, come una cassetta della posta, tutti ci imbucano qualcosa e poi se ne vanno più leggeri, mentre io mi sento sempre più pesante.

Solo per amore

La vita, l'universo e tutto quanto

mammacomepiove!

Donna. Mamma. Sognatrice. In proporzioni variabili.

ALIENA COME TE

Perché non nasciamo con il manuale d'istruzioni

susabiblog

Mi piace tramutare in parole e immagini i miei sogni

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitré

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

byluis7

« me arrodillo por las noches ante tigres que no me dejarán ser - lo que fuiste no será otra vez - los tigres me han encontrado pero no me importa. »

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

Le 5 stanze

La "mia" poesia e la "mia" e la "mia". L'epoca e le sue poemie. P.Celan

Unreliablehero

libri e storie di eroi imperfetti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: