Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘arte poetica’ Category

Da allora, nonostante sia passato molto tempo, nulla è cambiato, nell’ascoltare questa canzone le emozioni sono sempre le stesse, vere, violente, uniche.
Ma c’è una frase di questa canzone, che almeno nella mia grammatica interiore, ho sempre classificato tra le più belle e VIOLENTE che io abbia mai ascoltato.
Una frase che ancora oggi nell’ascoltarla, mi annichilisce, mi disorienta e mi turba come potrebbe esserlo una pioggia estiva, un tramonto autunnale o il sorriso
di un bambino… … …
Ecco la frase: Ancora oggi io non so se Dante era un uomo libero, un fallito o un servo di partito…
Non ho parole… … ……!?

Annunci

Read Full Post »


C’è stato un momento nella storia della musica italiana contemporanea, in cui sembrava che l’Italia avesse imboccato la strada giusta, per fare arte con la musica, era l’epoca del Banco del Mutuo Soccorso, della PFM, del Perigeo, di Napoli Centrale, Avion Travel, Nomadi… poi tutto finì, tanti buffoni, tanti menestrelli da strapazzo usciti fuori dai migliori laboratori di marketing, con poche, rare eccezioni!
Vorrei proporvi questo pezzo del BMS, da brividi…ma ditemi voi, avete mai sentito una voce più bella di quella di Francesco di Giacomo?!

Read Full Post »

Scrivo quello che sento, curandomi poco della forma, cosciente di dare una sostanza a quello che dico.

La mia consapevolezza sfiora la sfacciataggine quando descrivo le mie passioni che a volte non trovano nelle parole la misura delle proprie ambizioni e relegano a una mimica corporale il vano tentativo di colmare quel divario che c’è tra il sentire e il dire e tra lo scrivere e l’udire, e così ci si approssima a un sorriso, a una mano tra i capelli o sulle labbra come spesso mi sovviene.

E’ solo una questione di tempo.

Quando tempo passa affinchè una parola nata da un pensiero, si possa trasformare in scrittura?

Quando tempo passa affinchè una parola nata dal cuore si possa trasformare in emozione.

Quando tempo passa affinchè un’anima possa trasformare quel corpo in uno strumento di vita e quelle mani in uno strumento di puro piacere.

Gli occhi traducono le mie parole assai più velocemente delle modalità con cui sono state prodotte, riuscendo a trattenere  solo ciò che non riuscirà a portare via il vento.

I suoi occhi trattengono le mie emozioni, i miei ricordi e buona parte dei miei pensieri, ma il tempo che le parole mi hanno concesso, quello non riuscirà mai a trattenerlo, perché esso è fatto della stessa materia di cui sono fatti i sogni, perché le mie parole occupano un spazio che non è stato ancora inventato.

Immagine

Read Full Post »