Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for dicembre 2015

BUON 2016

03_2016

Annunci

Read Full Post »

felice_natale

Read Full Post »

 

Spesso cambia la forma delle cose, ma la sostanza resta sempre la stessa.

Noi occidentali siamo convinti che la nostra evoluzione socio-politica, ci abbia portato alla elaborazione di una nozione di democrazia quale presupposto indispensabile per una sana e consapevole convivenza civile. Questa consapevolezza in Italia è stata ben interpretata dai Padri della Nostra Costituzione nei Principi Fondamentali, molti di questi Principi non sono stati mai applicati, spesso quei pochi applicati vengono malamente interpretati, basta dare un’occhiata alla qualità della produzione del diritto in Italia! Un velo pietoso lo stendiamo sulle altre parti della Costituzione, alcune delle quali sono ormai soggette da anni, sia ad opera del centro-destra che del centro-sinistra a un deturpamento in cui sta giocando un ruolo non di secondo piano anche il diritto Comunitario.

Nonostante tutto c’è chi sostiene che in Italia ci sia una democrazia matura e consapevole!

 

Ma l’Italia, l’Italia delle Regione e dei Comuni, è il Paese che ha inventato il fascismo e ha usato il comunismo come finta opposizione a un liberalismo a cui l’Italia era legata per evoluzione storica e prassi contrattuale, dato l’esito del secondo conflitto mondiale; in poche parole in Italia la sinistra è stato l’alibi con cui una finta democrazia come la nostra, poteva giustificare se stessa; non è mai stata realizzata un’alternativa seria che per lo meno portasse a termine una vera idea di sinistra, ne sanno qualche cosa e ne furono vittime Moro e Berlinguer.

 

E’ questo il contesto in cui nel tempo in Italia hanno avuto modo di svilupparsi gruppi organizzati di bande di partiti politici, lobby economiche e finanziarie, massonerie e mafie, l’autoreferenzialità dei sindacati, il dispotismo della burocrazia e le incursioni del Vaticano su tutto il territorio nazionale e oltre.

I danni che costoro hanno lasciato nel corso dei tempi, diseguaglianze, stragi, malaffare, ci consegnano il panorama di un’Italia post-bellica disonorato e appunto in vilipendio dei Principi Fondamentali della Carta Costituzionale. Queste affermazioni vengono costantemente ribadite sia da Istituti di ricerca internazionali che da Organi sovranazionali, basta farsi un giro su internet per rendersi facilmente conto di quali siano gli standard di democrazia e informazione del “nostro” Paese! Democrazia e informazione i due aspetti di una stessa moneta.

In tali frangenti ad esempio può capitare di tanto in tanto, qualche stage di Stato o mafiosa, l’assassinio di un segretario di partito, del magistrato antimafia di turno, dell’industriale geniale e virtuoso, poi c’è qualche golpe fallito e quelli imposti dalla democrazia dei partiti, sempre riusciti a colpi di Leggi elettorali truffaldine, le dighe che vengono giù e la terra dei fuochi che continua a mietere vittime innocenti… … …Viva l’Italia!!!

 

C’è una simmetria perfetta tra il programma della P2, propaganda due e quello che ha fatto Berlusconi e quello che sta proseguendo Renzi, sono tutti figli dello stesso programma, gruppi organizzati di individui che per proprio conto o perché mandati da altri, occupano le Istituzioni, il mandato è sempre lo stesso, controllare l’informazione, porre i propri uomini a capo delle Organizzazioni di vertice, servirsi della copertura del Ministero degli Interni e dei comandi delle forze armate.

E’ lo stesso copione a cui stiamo assistendo da anni, si dà solo l’apparenza di una svolta con bei discorsi e giochi di fantasia, in realtà il potere resta sempre concentrato nelle mani dei soliti noti e quanto è diffuso diventa o inutile o dannoso oppure dispotico, si pensi al corpo elettorale oppure alla classe politica o alla P.A.

 

Al sistema o ci si allinea o si resta tagliati fuori, in ballo c’è la sopravvivenza basta solo scegliere se essere   uomini, mezzi uomini, ominicchi, o (con rispetto parlando) piglianculo o un quaquaraqua! In fondo è solo una questione di percentuali dai palazzi romani, passando dalle concentrazioni editoriali – RAI compresa-sino ad arrivare alla Confindustria, cosa pensate di che sostanza sia fatta la materia?

 

Ma in fondo cosa abbiamo da lamentarci, stiamo tutti bene, abbiamo buon cibo, i mandolini e il calcio che ci ravvivano le serate e qualche donna che ci emoziona ancora e dei politici che parlano, parlano, parlano e dietro di loro dei giornalisti che dormono, dormono, dormono e dei cittadini che guardano, guardano, guardano… … …

Read Full Post »

Aspetta e Spera

154421

Oggi per capire la politica ci vogliono più doti da psicologo che da giurista o economista! Perché se si fa riferimento alla norma oppure ai bilanci, i conti non tornano! Sono troppe le anomalie sia giuridiche che contabili, e sia nel bene che nel male, ne sanno qualche cosa sia la Corte Costituzionale che la  ragioneria di Stato.

C’è poco da discutere, nonostante la congiuntura favorevole, il quantitative easing di Draghi, il prezzo del petrolio basso, il tasso di cambio con il dollaro buono, e i tassi di interesse dell’area euro ai minimi storici, l’Italia nel 2015 crescerà attorno allo 0,7%, 0,8%, una delle più basse dell’area euro.

Con una crescita di questa entità quale problema si spera di risolvere? I problemi strutturali dell’Italia sono tutti lì, in tutta la loro macroscopica evidenza, dando sempre più vita a sperequazioni, iniquità e ruberie, e poi quando terminerà la congiuntura favorevole, a chi resterà in mano il cerino?

Di solito quando non si riesce a fare di più in un Paese come l’Italia, i politici sono abituati a dare la colpa a quelli che c’erano prima e quelli che c’erano prima a quelli che c’erano prima di loro e a quelli che sono venuti dopo!!! Vuoi vedere che la colpa è stata dei romani?

E’ per questa ragione, non trovando nessuna validità né nel supporto normativo, la qualità delle leggi, né tanto meno nella qualità di vita degli italiani, l’unica spiegazione che riesco a darmi, circa l’atteggiamento degli italiani nei confronti del voto, è di tipo psicologico e quindi anche di comunicazione.

Tuttavia non posso fare a meno di evidenziare una piccola sfumatura a proposito di voto!

Gli italiani, non tanto tempo fa, hanno votato una maggioranza politica che tra le tante nefandezze che ha compiuto, ha prodotto una legge elettorale, il porcellum, che è stato dichiarato, sia pure con molto ritardo, dalla Corte Costituzionale, incostituzionale; la maggioranza che si è sostituita a quella precedente si è costituita grazie allo stesso sistema elettorale, quindi alla luce della pronuncia della Corte Costituzionale, abbiamo una maggioranza che governa in base a un sistema di fatto dichiarato illegale! Quindi dovrebbe governare illegalmente!!! Se poi accanto a questo ci mettiamo patto del nazareno, transfughi che dal centro-destra passano al centro-sinistra, decomposizione e ricomposizione di gruppi parlamentari e formazione pseudo-politiche, capirete che il senso di democrazia, mandato elettorale, e autodeterminazione del popolo italiano, resta inapplicato, con tutta la stima con chi giustamente non va più a votare, e non sono pochi!

 

Il Governo parla agli italiani, collegandoli a due categorie temporali, a quelli che lavorano, in particolar modo ai pubblici impiegati, parla al presente, cercando di stabilizzare la loro vita all’interno di diritti acquisiti, anche perché essi stessi fanno parte di questa categoria, si pensi ai loro stipendi, pensioni e vitalizzi, ai giovani, ai disoccupati, ai pensionati, parla al futuro, dei sacrifici da fare per avere un futuro, di avere speranza perchè le cose miglioreranno, gli dà una visione del futuro, appunto una visione!!!

Un plastico esempio in cui si può chiaramente vedere come la classe politica ragiona sulla pelle e sulle speranze degli italiani, ci viene dall’ISTAT.

Infatti in difesa dei giovani, dei disoccupati e dei pensionati, ma in generale di tutti gli italiani, poveri e ricchi, viene in aiuto la statistica! Dal momento che l’ISTAT certifica che l’età media degli italiani si allunga, è possibile e giustificabile, fare alcune manovre sui diritti in generale, ad esempio è possibile aumentare l’età per andare in pensione, ritardando l’entrata nel mondo del lavoro dei giovani, poco conta se dovesse capitare proprio a te di non far parte di quelle persone che vivranno di più! Così resti due volte fregato!!!

Ora tutto andrebbe bene, se non fosse per il tempo che passa, e con il tempo i problemi si radicalizzano si segmentano e il giovane disoccupato, magari anche plurilaureato, finisce con il non essere così tanto giovane!

Ma in compenso ha vissuto con tante speranze!!!

 

E’ questo quello che io intendo dire quando si fa un uso truffaldino del tempo, esso è la cosa più preziosa che abbiamo, e ci viene sottratto in cambio di una promessa, di una proiezione statistica; forse la Fornero ne sa qualcosa di questo sporco gioco!

Intanto i governi cambiano, i politici cambiano, i partiti si trasformano, ma i problemi sono sempre lì! Nel frattempo però gli italiani hanno stipendiato intere caste politiche di persone, inutili, disoneste e inefficaci.

Ma c’è sempre qualcuno, che adoperando tutti i mezzi messi a disposizione dai media e dai grandi capitali, che inventerà  una nuova illusione, fatta di squallidi contratti, inutili speranze, sterili visioni che indicheranno percorsi esistenziali fatti di miseria, di ipocrisie e in cui prima o poi si frantumeranno diritti, sogni e passioni.

Read Full Post »

ATP – zero

b86445e5aa9b055f591bd86996f9b7e3

Non so se sia stanchezza o semplice rassegnazione, ma so che a volte mi cade addosso senza nessuna comprensibile spiegazione, in fondo se non fosse così non avrebbe nessuna ragion d’essere lo stare lì privo di qualsiasi moto apparente, con lo sguardo perso nella penombra.

Non che la cosa mi dispiaccia, il senso di abbandono, di inevitabile oblio, mi procura quelle certezze che mi sono sempre mancate sul finire di quel momento.

Pesantemente mi lascio cadere giù come foglia morta, come neve d’inverno, non curante di una gravità a impatto zero che circonda l’aria di cui mi nutro.

A poco servono considerazioni, le espressioni o qualche turbamento clandestino, per ridestarmi da quel torpore in cui implodono le mie speranze scolpite da sempre su un pentagramma muto.

Stare lì senza forze, in preda all’incoscienza, abbandonato, alla deriva di un sogno che tarda ad avvenire e di cui fatico a ricordarmene le fattezze.

Sarà stanchezza, sarà rassegnazione o semplice noia o la semplice rielaborazione di tutto ciò che è destinato a finire.

Read Full Post »

Grande Moby Dick

images

Negli ultimi 50 anni e passa, la Francia in tema di politica estera non ne ha azzeccata una!!!

A partire dalla guerra in Vietnam, per finire con l’attacco alla Libia di Gheddafi, la Francia ha collezionato una serie impressionante di errori fatali.

Il Belgio non è da meno, basta solo ricordare al genocidio verificatosi in Ruanda, in cui in soli 100 giorni furono massacrate quasi un milione di persone tra due popolazioni gli Hutu e i Tutsi che da secoli vivevano pacificamente su quei territori e su cui gravarono le nefaste politiche razziali applicate dal Belgio.

Le Istituzioni europee anche in tema di politica estera evidenziano tutte le loro lacune, ho l’impressione che quando non si tratta di tutelare gli interessi delle banche e delle lobby, l’Unione Europea non sappia fare di meglio che affidarsi o al primo sprovveduto capo di Stato o di Governo o nella migliore delle ipotesi alla buona sorte! Infatti U.E. non avendo nessuna politica estera in comune, né una politica condivisa su gli immigrati, per non parlare di ambiente, alimentazione ed eserciti, spesso si affida al caso, o alla fantasia di un Commissario che deve pur in qualche modo giustificare vergognosi stipendi per loro e i loro onerosissimi e inutili staff. Ogni riferimento alla Mogh………….non è puramente casuale!!!

Ora la Francia dopo aver causato un pò di casini in giro per il mondo, chiede in virtù dei Trattati istitutivi U.E. aiuto e collaborazione fattiva agli altri Paesi, e dal momento che hanno dichiarato guerra chiedono di fatto l’entrata in guerra anche di altre Nazioni che in tema di politica estera per lo meno avevano adottato una maggiore diplomazia!

Ora per me la solidarietà è sacra, ma quando si tratta di uccidere qualcuno, è bene pensarci su due volte, mi verrebbe quasi da dire, perdonatemi la battuta:<<Hai voluto la bicicletta?! E ora incomincia a pedalare!!!>>

Quello che non riesco a capire è:<< quando la Francia decise di bombardare la Libia, l’atto non fu prefigurato come una dichiarazione di guerra, al massimo come un intervento umanitario?! Se poi dei bastardi decidono come atto indegno di ritorsione di colpire la popolazione civile allora si dichiara ai responsabili guerra>>: Cioè se si attacca non è guerra, se poi si viene attaccati allora si dichiara guerra!!! In poche parola la guerra viene dichiarata solo in caso di offesa grave, visto che i fatti di Charlie Hebdo non avevano sortito la stessa reazione!?

I conti non mi tornano!?

Facciamo qualche passo indietro per comprendere meglio il concetto, magari facendo leva sul principio di Giambattista Vico dei corsi e ricorsi storici!

Il secondo conflitto mondiale scoppiò perché gli aderenti all’asse Roma, Tokio, Berlino si rivelò un patto tra criminali, le efferatezze compiute da costoro durante la loro direzione furono così gravi da giustificare l’uso dell’atomica in Giappone e dei bombardamenti a tappeto in Europa. Il risultato finale di questa guerra è stata la sconfitta dei nazi-fascisti anche se il prezzo che la popolazione civile ha dovuto pagare è stato assai pesante, allora non esistevano le bombe intelligenti e ben oltre il 50% dei morti durante il secondo conflitto mondiale furono civili. Senza poi contare gli stupri di massa che in particolar modo le truppe franco-algerine commisero nel sud Italia, e non sarebbe male riguardarsi la Ciociara il film di Vittorio De Sica con Sophia Loren!

Quelli dell’ISIS o Daesh che si voglia, sono criminali come i nazisti quindi:<< Vanno bombardati come furono bombardati i nazi-fascisti pur di sconfiggerli a costo di massacrare anche la popolazione civile?>>

E’ questa la domanda a cui devono rispondere i fautori o meno della guerra.

Non è necessario essere dei grandi strateghi, per comprendere che l’ISIS è un male che va estirpato, da una semplice lettura come può essere di un libro del tipo Della Guerra del generale Carl von Clausewitz, si evince che le guerre vanno preparate per ridurre al minimo le perdite, quindi intelligence, taglio delle fonti di finanziamento, migliore comunicazione, lotta informatica e soprattutto migliore e consapevole propaganda volta a consolidare che l’ISLAM o è una religione di pace o altrimenti non è religione; solo alla fine ci potranno essere l’invio di truppe sul territorio, allo scopo di combattere selettivamente focolai di fanatici dell’ISLAM.

Però c’è una grande differenza tra l’Europa post-bellica e il medio-oriente, in Europa una volta sconfitti i regimi totalitari, è stato facile, oserei dire naturale reinstallare la democrazia, in fondo essa è stata da sempre un prodotto dell’evoluzione socio-culturale del pensiero europeo e le istituzioni si sono normalmente sviluppate e adattate in questa direzione, Paese in più Paese in meno ai sensi di codici etici e di principi di uguaglianza, eguaglianza e fratellanza, ma in medio-oriente non si è avuto lo stesso sviluppo, sono altri gli aspetti e le circostanze con cui ed entro cui si è sviluppata la società araba, pretendere di innestare su questi territori un sistema istituzionale che in Europa si è sviluppato durante i secoli e a costi anche di dure guerre a cui hanno concorso scuole di pensiero del tutto estranee alla cultura araba per non parlare del Corano, vorrebbe semplicemente dire pretendere che il nostro sistema sia superiore a quello degli arabi, e questa è la guerra tra civiltà! E non mi si venga a parlare di guerra giusta!

 

Ma la mia preoccupazione è un’altra, sono convinto che l’occidente nonostante i tragici fatti di Parigi, non abbia ancora ben individuato chi è il nemico, al massimo non si è d’accordo su chi sia il nemico! Il messaggio di morte dell’ISIS, privo di qualsiasi contenuto religioso, poteva essere raccolto solo da quattro coglioni mussulmani di terza generazione e imbevuti di un falso spirito rivoluzionario su un territorio che ha fatto la vera rivoluzione, oltre a questo questi fanatici non sono altro che terroristi, mercenari, cani sciolti, agenti provocatori che hanno l’hobby della guerra, vengono usati per creare casino in territori sconquassati da secoli di lotte etniche, per creare destabilizzazioni, convinti che prima o poi qualcuno sbaglierà e verrà innescata irreparabilmente la miccia, vedi Siria-Turchia-Russia! Altrimenti chi Stato, popolo o esercito sarebbe così folle da dichiarare guerra contemporaneamente all’America, alla Russia e all’Europa?!

La ragione per cui non sono stati ancora distrutti, è perché fanno comodo a molte Nazioni arabe e non! Costoro pescano nella merda, perché sono convinti che prima o poi qualche cosa salterà fuori, qualcuno abboccherà al loro amo, sperando sempre che si tratti di Moby Dick!

 

Read Full Post »

crateri

il blog di eliana petrizzi

Photo Designer and Art Interior

L'Arte della fotografia intesa come espressione di vita.

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

La mia camera con vista

Un bel posto da dove guardare il mondo

Belinda Raffaeli

Sta Per Nascere Una Stella

Marco Guzzini - Tratti e Spunti

Storie, Inchiostro e Illustrazioni

PROFUMO DI DEMOCRAZIA E LIBERTA'

Verità e coerenza senza sconti per nessuno

Samantha Perazzani

Hotel, Resorts & Brands Advisor

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Célebes 3.0

La versión 3.0 (beta) de Célebes

Spunti da asporto

(Oggi mi sento un cuscino. Ma non lo sono)

Paradiso con due dita...

nulla è sprecato se fatto con amore =-)

federicabiasco.wordpress.com/

Mi sento un po' come un contenitore di chiacchiere, come una cassetta della posta, tutti ci imbucano qualcosa e poi se ne vanno più leggeri, mentre io mi sento sempre più pesante.

Solo per amore

La vita, l'universo e tutto quanto

mammacomepiove!

Donna. Mamma. Sognatrice. In proporzioni variabili.

ALIENA COME TE

Perché non nasciamo con il manuale d'istruzioni

susabiblog

Mi piace tramutare in parole e immagini i miei sogni

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitré

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

byluis7

« me arrodillo por las noches ante tigres que no me dejarán ser - lo que fuiste no será otra vez - los tigres me han encontrado pero no me importa. »

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

Le 5 stanze

La "mia" poesia e la "mia" e la "mia". L'epoca e le sue poemie. P.Celan

Unreliablehero

libri e storie di eroi imperfetti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: