Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for agosto 2015

Credo quia absurdum

10

Credo perché e assurdo!

Allora, da dove iniziamo?!

C’è molto di cui parlare, ma scrivere le cose che si verificano intorno, vuole anche dire avere la presunzione che qualcuno le legga, quindi sforzarsi di dire cose vere, giuste, possibilmente senza futili compromessi, ma non quelli imposti dagli altri, a cui sempre più spesso ci si inchina, ma a quelli suggeriti dalla tua mente e dal tuo cuore, è una questione di semplice onestà intellettuale!

L’immigrazione, la scandalosa Roma, non dissimile da molte altre città italiane che magari godono di un Procuratore della Repubblica più “distratto”! La crisi economica, la disoccupazione, il Mezzogiorno d’Italia che ormai si è liquefatto, e poi la ripresa del campionato di calcio, utile cura per tanti beoni!

Kierkegaard sosteneva che l’uomo si perde nella massa, e il tratto distintivo della massa è la “chiacchiera”! Quante chiacchiere inutili ascoltiamo ogni giorno? C’è chi le vende per professione, politici, giornalisti, scrittori, e chi le fa per abitudine, magari per noia, che poi sono le più interessanti!!! Ma il tratto distintivo di tutti è il conformismo, perché tutti credono in verità oggettive mente l’unica verità è quella che è significativa per il singolo individuo, in un certo senso bisogna essere un po’ buddhista!!!

Di fronte alle vere domande, l’uomo è completamente solo, e le uniche risposte vere che può trovare non sono quelle degli altri, ma le proprie, quelle che riesce a trovare al Suo interno.

E’ innegabile che due più due fa quattro ma bisogna pur ammettere che è scarsa come poesia da dedicare alla propria amata?!

La massa è falsità sosteneva Kierkegaard, e la verità è sempre in minoranza, omologarsi alla maggioranza vuole anche dire giocare con la propria esistenza. I tre stati di vita elaborati dal filosofo danese, quello estetico di chi è votato alla continua ricerca del piacere e quindi dei sensi; l’esteta si preoccupa solo di scegliere tra ciò che è divertente o è noioso,  è la vanità a dettare legge, è fortemente incline al vuoto e all’angoscia che poi sono le stesse spinte che possono portare a uno stadio superiore, quello etico, in cui si decide di vivere secondo criteri morali, per costui l’importante non è scegliere tra giusto e sbagliato, ma confrontarsi con ciò che è giusto o sbagliato. Ma è così terribilmente noioso e stancante essere sempre così ligio al dovere, a lungo andare il tipo etico ha una reazione di stanchezza, e allora può decidere o di ricadere nello stadio estetico, oppure fare un salto a uno stadio superiore che è quello religioso, la fede che è un salto nell’abisso, ma è anche l’unica possibilità che l’uomo ha di riconciliarsi con se stesso.

Nessuno mai farà una scelta per noi, bisogna scegliere da soli, e in questo c’è individualismo e coscienza di se.

Ora una volta fatte tutte queste chiacchiere, vi dico: non fate come me, non seguite i miei consigli, le mie analisi, le mie inutili chiacchiere, perché ho finito le parole e non mi resta che pregare… … …

Annunci

Read Full Post »

crateri

il blog di eliana petrizzi

Photo Designer and Art Interior

L'Arte della fotografia intesa come espressione di vita.

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

La mia camera con vista

Un bel posto da dove guardare il mondo

Belinda Raffaeli

Sta Per Nascere Una Stella

Marco Guzzini - Tratti e Spunti

Storie, Inchiostro e Illustrazioni

PROFUMO DI DEMOCRAZIA E LIBERTA'

Verità e coerenza senza sconti per nessuno

Samantha Perazzani

Hotel, Resorts & Brands Advisor

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Célebes 3.0

La versión 3.0 (beta) de Célebes

Paradiso con due dita...

nulla è sprecato se fatto con amore =-)

federicabiasco.wordpress.com/

Mi sento un po' come un contenitore di chiacchiere, come una cassetta della posta, tutti ci imbucano qualcosa e poi se ne vanno più leggeri, mentre io mi sento sempre più pesante.

Solo per amore

La vita, l'universo e tutto quanto

mammacomepiove!

Donna. Mamma. Sognatrice. In proporzioni variabili.

ALIENA COME TE

Perché non nasciamo con il manuale d'istruzioni

susabiblog

Mi piace tramutare in parole e immagini i miei sogni

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitré

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

byluis7

« me arrodillo por las noches ante tigres que no me dejarán ser - lo que fuiste no será otra vez - los tigres me han encontrado pero no me importa. »

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

Le 5 stanze

La "mia" poesia e la "mia" e la "mia". L'epoca e le sue poemie. P.Celan

Unreliablehero

libri e storie di eroi imperfetti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: