Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for novembre 2014

Giochino di letteratura

libro

Senza nessuna pretesa, mi sono divertito nel fare questo gioco!

Invertire gli autori di libri che ho letto, che abbiano comunque una certa attinenza!!!?

E’solo un gioco… … …!

Se vi và proponete Voi qualche incrocio?!

  • Gente di Dublino di Omero
  • L’Odissea di James Joyce

 

  • Romeo e Giulietta di Alessandro Manzoni
  • I Promessi Sposi di William Shaekespeare

 

  • Uno nessuno e centomila di William Shaekespeare
  • Amleto di Luigi Pirandello

 

  • La coscienza di Zeno di Miguel de Cervantes
  • Don Chisciotte della Mancia di Italo Svevo

 

  • Zibaldone di pensieri di Soren Kierkegaard
  • Il concetto dell’angoscia di Giacomo Leopardi

 

  • La lettera scarlatta di Henry James
  • Ritratto di signora di Nathaniel Hawthorne

 

  • Ossi di seppia di Rainer Maria Rilke
  • Elegie Duinesi di Eugenio Montale

 

  • Delitto e castigo di Victor Hugo
  • I Miserabili di Fëdor Dostoevskij

 

  • Il Gattopardo di Lev Tolstoj
  • Guerra e Pace di Giuseppe Tomasi di Lampedusa

 

  • Orlando di Oscar Wilde
  • Il ritratto di Dorian Gray Virginia Woolf

 

  • … … … !
Annunci

Read Full Post »

Chi è che mente?!

bugie

Girano in Italia molte leggende metropolitane, l’ultima è quella che la Corte Costituzionale abbia impedito al Governo di varare nell’ultima Legge di stabilità quel provvedimento che avrebbe limato le così dette “pensioni d’oro”, ascrivendoli ai diritti acquisiti!

Niente di più falso! In verità spesso la politica utilizza il diritto per giustificare le proprie nefandezze!

Ma procediamo con ordine, senza scendere troppo nel tecnicismo della Corte Costituzionale inerente la composizione, la differenza tra procedimento principale o incidentale, tra sentenze additive o manipolative e in quelle che sono le Sue competenze, incominciamo la nostra analisi dalle sentenze, molte delle quali lasciano completamente esterrefatti non solo gli addetti ai lavori, ma anche buona parte dell’opinione pubblica!

 

Concentriamoci su due avvenimenti importanti, la legge Fornero e la posizione negativa che la Corte ha assunto circa l’abbassamento delle così dette pensioni d’oro come si narra fosse stato previsto dall’ultima Legge di stabilità!

Ho l’impressione che quando si tratta di difendere i diritti acquisiti dei “piccoli” pensionati o classi medio-piccole, la Corte Costituzionale non interviene con la stessa autorità con cui interviene quando si tratta di difendere diritti acquisiti o per meglio dire gli interessi economici delle categorie a cui loro stessi appartengono!

 

Questi fatti scandalosi, li vorrei analizzare mettendo in evidenza sia alcune sentenze, e in particolar modo confrontando tra di loro due concetti apparentemente eterogenei: duello del Buon padre di famiglia già elaborato dal Diritto romano e quello fantomatico dei diritti acquisiti!?

 

Già il Diritto Romano ci offre una spiegazione del concetto del buon padre di famiglia, ossia il bonus pater familias era il modello dell’uomo, non solo libero e fornito di piena capacità (sui iuris) e, quindi, possibile capo di una particolare aggregazione di soggetti, ma anche consapevole dell’importanza della propria posizione e delle proprie azioni, oggi ai sensi  ex art. 1176 c.c. la diligenza del bonus, prudens et diligens pater familias, è l’impiego delle energie e dei mezzi utili alla realizzazione di un determinato fine, i parametri essenziali a cui ci si deve riferire nell’adempimento sono: buona fede, diligenza, ossia cura, cautela, perizia, poi qualità, integrità materiale e giuridica, qualità essenziale e regolarità legale.

 

Discorso diverso è quello relativo ai diritti acquisiti, in poche parole essi sono quei diritti che si fanno valere sotto l’imperio di una nuova legge, anche se essi sono stati acquisiti al patrimonio del soggetto in epoca precedenti e sotto l’imperio di un’altra legge.

L’art. 11 delle Disposizioni sulla Legge in Generale o preleggi al Codice Civile, afferma l’irretroattività della legge, in altri termini essa non può applicarsi a rapporti che si sono verificati prima della sua emanazione. Il principio è, ovviamente, ispirato ad esigenze di certezza del diritto ed è derogabile, per volontà del legislatore che in casi particolari ed eccezionali può ritenere di estendere gli effetti di una nuova legge al passato.

Con l’entrata in vigore della Costituzione, nel 1948, il principio ha assunto valore di precetto costituzionale, vincolante, solo per le leggi penali incriminatrici, cui espressamente si riferisce l’art. 25, II comma, Cost.

Ma sappiamo che una legge ordinaria può essere abrogata o modificata da altra legge ordinaria o atti aventi forza di legge: pertanto una legge che affermi la sua stessa retroattività è legittima perché l’art. 11 preleggi non è contenuto in una fonte costituzionale, bensì legislativa.

Sempre più spesso si vedono casi di retroattività. Dunque, nella maggior parte dei casi, interviene, opportunamente, il legislatore a regolare il passaggio tra la vecchia disciplina e quella nuova con specifiche norme “transitorie” o addirittura, con apposite leggi “interpretative” che guidano l’azione degli operatori del diritto. Nel caso in cui tali norme manchino, da sempre si è avvertita la necessità di individuare un criterio generale che permettesse di risolvere i problemi sorti in seguito alla successione di leggi nel tempo e, di conseguenza, individuare la legge da applicare al caso concreto.

Si può facilmente dedurre dal ragionamento antecedente che la retroattività costituisce un principio giuridico e non un limite legislativo, per cui nessuno può impedire al Legislatore di emanare norme che retroagiscano. In tal senso ci sono state interessanti pronunciamenti sia da parte della Corte Costituzionale, sent. N. 390 del 26/07/1995 -ha stabilito che il “diritto quesito” pensionistico va valutato con riferimento alla normativa vigente al momento del perfezionamento del diritto alla pensione, non sussistendo un diritto quesito relativo al trattamento di pensione in base alla normativa vigente al momento in cui il dipendente è stato assunto-;   oppure la sent.446 del 12/11/2002, o del Consiglio di Stato sez. V, 28/02/1987 n.140 -in materia di quiescenza non può parlarsi di diritto quesito se non quando la pensione non sia stata liquidata, mentre anteriormente al verificarsi del fatto acquisitivo del diritto a pensione il dipendente può vantare solo una aspettativa ad un determinato trattamento di quiescenza- . La Corte Costituzionale con sent.446 del 12/11/2002 ha ribadito un principio già espresso in una sentenza precedente, per cui si è aperta una breccia per “toccare” anche i trattamenti già in pagamento, disponendo che il legislatore può, al fine di salvaguardare equilibri di bilancio e contenere la spesa previdenziale, ridurre trattamenti pensionistici già in atto, certo non limitando del tutto il diritto ad una pensione legittimamente attribuita, ma introducendo con legge successiva una “disciplina non irragionevolmente più restrittiva

Il principio sotteso a tali sentenze è che per esigenze sociali si può dare una “limatina” verso quei diritti quesiti, la cui entità economica è palesemente amorale se contestualizzata a un periodo di forte recessione economica e sociale! La Corte Costituzionale parla addirittura della:<< eccessiva onerosità sopravvenuta>>.

Dall’altro lato la Cassazione parla sempre più spesso di “jus superveniens”.

Quindi se l’equilibrio iniziale delle prestazioni viene turbato oltre ogni limite economicamente tollerabile da “sopravvenienze”, ossia da fatti nuovi e imprevedibili; ossia la eccessiva onerosità sopravvenuta, si può dar luogo a una modifica dei diritti acquisiti, ossia della regola “pacta sunt servanda”.

 

La caste sanno bene tutelare i propri interessi, diffondendo disinformazione e operando mistificazioni della realtà. Se l’Italia continua a essere un Paese profondamente iniquo di chi è la colpa? Politica?! Burocrazia?! Informazione?! Oppure Popolazione?! Probabilmente è un po di tutti, ma meglio trovarsi dalla parte del manico?!!!

Ma alla fine dei conti se pure non ci fossero tutte queste giustificazioni giuridiche per un provvedimento, secondo Voi, uno Stato Etico cosa dovrebbe scegliere tra un comportamento da buon padre di famiglia e la tutela di diritti acquisiti!!!???

Si il Buon Padre di famiglia… … …!!!

Read Full Post »

macerie

Per avere un Paese democratico, è indispensabile che quel Paese abbia una popolazione che gode di una sana e consapevole cultura democratica, altrimenti questo Paese produrrà sempre delle storture che possono manifestarsi in  vario modo, nella forma politica, nella forma economica e in quella socio-culturale. Il tratto distintivo di questi regimi, è l’esistenza di una massa considerevole di individui che in virtù di un calcolo egoistico o di mediocre approssimazione verso la gestione della Cosa pubblica, garantisce a un uomo, a una elite o casta la possibilità di condizionare nel male più che nel bene, la vita di tutti i consociati.

Il totalitarismo non lo si evince unicamente da una determinata forma di Stato o dai comportamenti posti in essere da un governo e quindi dalle forme socio-economiche e culturali che esso produce, ma anche dai comportamenti che le singole istituzioni pongono in essere all’interno di regime pseudo-democratico.

La storia non è divisa in compartimenti stagnei, in maniera tale che quello che apparteneva a una precedente epoca non filtri anche in epoche successive, soprattutto quando non interviene la politica e successivamente il diritto con l’imperio della legge a uniformare le istituzioni nascenti a quei principi di libertà ed eguaglianza in nome dei quali si è combattuto nell’epoca precedente. In quest’ottica ho l’impressione, ormai maturata da anni, che tra i più antichi Dicasteri della storia d’Italia, quello degli Interni e della Difesa, ex guerra, con tutte le loro derivazioni e deviazioni, SISDE, pubblica sicurezza, esercito, prefetture, siano filtrati molti elementi dell’ex epoca fascista.

Sono ormai troppi, tanti gli episodi della storia d’Italia dal dopoguerra ad oggi in cui queste parti dello Stato sono intervenute in maniera anomala! Strage di Bologna, morte di Enrico Mattei, Italicus, omicidio del commissario Calabresi, Piazza della Loggia, morte di Giangiacomo Feltrinelli, Ustica, Moro, Pio la Torre generale Dalla Chiesa, Falcone , Borsellino,  l’assalto della polizia alla scuola Diaz durante il G8 , la strage di via dei Georgofili, di Firenze, morte di F.  Aldrovandi di S. Cucchi… … …è vero durante il fascismo ci fu l’assassinio di Giacomo Matteotti…!!!???

Tra le Istituzioni ci sono sempre stati pezzi, spesso indicati come deviati, ma di fatto organici e funzionali al sistema, a cui è stato sempre affidato il lavoro sporco, la maggior parte di questi elementi hanno una provenienza e una formazione militare!

Al vertice di questi organismi troviamo una delle caste più consolidate, indiscusse e benestanti della società italiana, fatto di un corpo smisurato di generali e ufficiali che nel loro insieme oltre a essere inutili, spesso sono pericolosi ed esosi per le casse dello Stato. Questa gente è votata per formazione e per inclinazione al culto del credere, ubbidire, combattere di memoria fascista, è di fatto una corporazione inattaccabile!

Buona parte di questi militari, è stata abituata a difendere la Repubblica, in base a un ordine e non in base a un principio di etica o verità o giustizia.

Pensate alla differenza che esiste tra USA e Italia nel rapporto che i cittadini hanno nei confronti dei rappresentanti delle forze dell’ordine?! Ho l’impressione che in America il ruolo occupato dagli appartenenti alle forze dell’ordine sia diverso, completamente smilitarizzato, in quanto tale è maggiormente inteso come un rapporto di servizio; a consolidare questa posizione dei cittadini, il sistema americano ha elaborato uno 

strumento, quello della Disciplinare, ossia poliziotti che indagano sui comportamenti  non conformi alle regole dei loro colleghi, onde evitare che ci possano essere abusi di potere; di solito sono quelli antipatici dei telefilm americani. In Italia chi difende i cittadini dagli abusi delle forze dell’ordine?! Il magistrato?! Ma occorre la denuncia o la conoscenza del reato da parte del magistrato; e cosa vai a denunciare se a un posto di blocco dei poliziotti per una squallida visione di supremazia dell’autorità o vigliaccheria di chi si nasconde dentro una divisa ti danno un paio di schiaffi?! In America questi poliziotti rischiano immediatamente forti sanzioni, il ritiro del distintivo e il licenziamento in tronco!

E’ per questa ragione che penso che il rapporto tra cittadini e istituzioni vada cambiato nel loro complesso, sono ancora tanti, troppi i retaggi che ci portiamo dietro e che rendono la nostra democrazia debole, ma il potere esige una democrazia debole, altrimenti non potrebbero realizzarsi tanti soprusi sia nella società civile, che in economia e in politica.

Se poi pensiamo alla maniera con cui prima Berlusconi, poi Renzi sono arrivati al potere, vedi porcellum, poi vedrai italicum, vi renderete conto ben presto che il cammino verso un sano sistema democratico è ancora lungo da fare… … …

Read Full Post »

crateri

il blog di eliana petrizzi

Photo Designer and Art Interior

L'Arte della fotografia intesa come espressione di vita.

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

La mia camera con vista

Un bel posto da dove guardare il mondo

Belinda Raffaeli

Sta Per Nascere Una Stella

Marco Guzzini - Tratti e Spunti

Storie, Inchiostro e Illustrazioni

PROFUMO DI DEMOCRAZIA E LIBERTA'

Verità e coerenza senza sconti per nessuno

Samantha Perazzani

Hotel, Resorts & Brands Advisor

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Célebes 3.0

La versión 3.0 (beta) de Célebes

Paradiso con due dita...

nulla è sprecato se fatto con amore =-)

federicabiasco.wordpress.com/

Mi sento un po' come un contenitore di chiacchiere, come una cassetta della posta, tutti ci imbucano qualcosa e poi se ne vanno più leggeri, mentre io mi sento sempre più pesante.

Solo per amore

La vita, l'universo e tutto quanto

mammacomepiove!

Donna. Mamma. Sognatrice. In proporzioni variabili.

ALIENA COME TE

Perché non nasciamo con il manuale d'istruzioni

susabiblog

Mi piace tramutare in parole e immagini i miei sogni

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitré

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

byluis7

« me arrodillo por las noches ante tigres que no me dejarán ser - lo que fuiste no será otra vez - los tigres me han encontrado pero no me importa. »

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

Le 5 stanze

La "mia" poesia e la "mia" e la "mia". L'epoca e le sue poemie. P.Celan

Unreliablehero

libri e storie di eroi imperfetti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: