Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 4 luglio 2017

Doveri negati

maxresdefault

Giudicare gli altri non è una cosa semplice! Bisogna avere seri argomenti per poter affrontare un’analisi di questo genere, altrimenti rischieremo semplicemente di essere presi per arroganti, presuntuosi o, il che è peggio, di sbagliare la nostra valutazione, ed essere così, a nostra volta vittima delle critiche altrui.

Giudicare gli altri non significa necessariamente sentirsi superiore agli altri, ma probabilmente aver maturato in quel particolare ambito, una serie di esperienze che ci darebbero la possibilità di poter esprimere un giudizio in piena serenità.

Ora si sa, si scrive innanzitutto per se stessi, e per chi come me è alla ricerca di una probabile verità e non del consenso, poco conta l’esporsi a giudizi altrui viziati da una erronea conoscenza dei fatti, delle norme o, cosa assai più grave, da inutili sentimentalismi o ricordi.

Ad esempio, per uno come me a cui piace la musica di Chet Baker, Paul Desmond, Dave Brubeck, Esperanza Spalding, Diana Krall, Aziza Mustafa Zadeh, Jane Monheit, fa una certa fatica a definire musica quella che produce Vasco Rossi, checchè ne dica il mediocre Vincenzo Mollica.

Ma il popolo è sovrano, e dal momento che una quantità straordinaria di persone ha decretato il successo di Vasco, Vasco è un cantante di talento!!! In realtà la musica è un’altra cosa! Tuttalpiù trattasi di barzellette.

Ora c’è a chi può non piacere la musica degli autori e interpreti che ho citato! Allora vuol dire che non si parla più di musica, bisogna cambiare argomento e andare su Novella tremila per parlare di Vasco Rossi!!!I

Il dilemma è sempre lo stesso: conta più la qualità o la quantità delle cose? Probabilmente una via di mezzo sarebbe la soluzione migliore, ma non basterebbe.

In una società capitalista, strutturata come la nostra, quello che ha più importanza è la quantità, di chi compra, così come di chi vota, perché solo in questo modo si decide in una vera democrazia chi deve avere successo e chi no. Ma questo processo è ricco di errori e non sempre vengono scelti i migliori, i più degni i più validi, ossia coloro che dovrebbero essere in grado, con il loro contributo di migliorare la qualità della società che li ha eletti. Far capire insomma che una cosa è leggere, un’altra cosa è capire, una cosa è ascoltare, un’altra è sentire, una cosa è vivere, un’altra è sopravvivere.

Siamo tutti consapevoli del fatto che le società contemporanee sono ricche di ignoranti gozzuti, ossia persone assolutamente incivili, con le quali non è possibile stabilire nessun tipo di dialogo, il loro mondo è fatto di puro egoismo, malafede, superficialità, ipocrisia e disonestà, ne ho avuto la netta consapevolezza quando sono venuto a conoscenza di quella città in Campania dove una ragazzina è stata costretta a lasciare la sua città, perché i cittadini del paese, compreso il sindaco, solidarizzavano più con gli stupratori che con la ragazza violentata! Un’intera comunità che ha aggiunto la vergogna alla vergogna, nel pieno silenzio delle istituzioni che non sono intervenute. Ora queste persone, come tante altre, in tanti Paesi del mondo, andrebbero in qualche modo redarguite! Cosa potrebbero mai fare di bene costoro per se stessi e per la società che li circonda?! Siamo sicuri che il diritto-dovere al voto sia un comandamento per grazia ricevuto? E non una conquista che bisogna meritare? L’apporto al miglioramento della società, non dovrebbe essere, in quanto tale, di tipo qualitativo? L’opposto di questo processo non è forse quello che ha ingenerato una società così ingiusta, iniqua, diseguale? Ci sarà pure il modo di punire e correggere le evidenti anomalie di una democrazia? Si pensi ad esempio ai Comuni commissariati perché sciolti per infiltrazioni mafiose? Cioè lo Stato prende atto che una comunità non è più nelle condizioni di autogovernarsi, e sostituisce Sindaco e Giunta con una persona nominata dalla Prefettura. Ora mi chiedo come mai una inciviltà di un altro genere di una comunità così come di una pubblica amministrazione, non dovrebbe essere sanzionata allo stesso modo? Forse i condannati con sentenza passata in giudicato non perdono tutti i diritti civili?

L’indifferenza, il lasciar fare, il far finta di non vedere, la stessa abitudine all’orrore che ci circonda, è in se già una forma atroce di inciviltà e di violenza…A volte prendere la cicuta, come fece Socrate per insegnarci cosa è la democrazia, è un atto dovuto… … …

 

 Come si può amare la vita se si vive soltanto un’ora e mezzo al giorno e si buttano via tutte le altre ore? E questo è quello che ho fatto per tutta la vita. E non l’ho amato. Credo che chiunque lo ami sia un grande idiota. Non c’è modo di poter amare questo genere di vita.

Charles Bukowski

Annunci

Read Full Post »

crateri

il blog di eliana petrizzi

Photo Designer and Art Interior

L'Arte della fotografia intesa come espressione di vita.

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

La mia camera con vista

Un bel posto da dove guardare il mondo

Belinda Raffaeli

Sta Per Nascere Una Stella

Marco Guzzini - Tratti e Spunti

Storie, Inchiostro e Illustrazioni

PROFUMO DI DEMOCRAZIA E LIBERTA'

Verità e coerenza senza sconti per nessuno

Samantha Perazzani

Hotel, Resorts & Brands Advisor

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Célebes 3.0

La versión 3.0 (beta) de Célebes

Paradiso con due dita...

nulla è sprecato se fatto con amore =-)

federicabiasco.wordpress.com/

Mi sento un po' come un contenitore di chiacchiere, come una cassetta della posta, tutti ci imbucano qualcosa e poi se ne vanno più leggeri, mentre io mi sento sempre più pesante.

Solo per amore

La vita, l'universo e tutto quanto

mammacomepiove!

Donna. Mamma. Sognatrice. In proporzioni variabili.

ALIENA COME TE

Perché non nasciamo con il manuale d'istruzioni

susabiblog

Mi piace tramutare in parole e immagini i miei sogni

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitré

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

byluis7

« me arrodillo por las noches ante tigres que no me dejarán ser - lo que fuiste no será otra vez - los tigres me han encontrado pero no me importa. »

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

Le 5 stanze

La "mia" poesia e la "mia" e la "mia". L'epoca e le sue poemie. P.Celan

Unreliablehero

libri e storie di eroi imperfetti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: