Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 13 gennaio 2015

je suis

0000000000000000000000000000000000

I tragici avvenimenti di Parigi, ci impongono una seria riflessione su ciò che ci sta verificando dentro e fuori la nostra società!

La storia ci insegna che un fenomeno nel tempo nasce, si sviluppa e poi si estingue, lasciando dietro di se quelle tracce positive o negative che gli uomini hanno, con i loro comportamenti, deliberatamente scelto!

Partiamo da un dato di fatto incontestabile! In tutte e tre le religioni monoteiste, Ebraica, Cristiana e Mussulmana, ci sono fatti, indicazioni e norme che impongono agli uomini comportamenti violenti contro altri uomini, anche appartenenti alla stessa religione, basti pensare ad esempio al comandamento che impone di:<< non pronunciare il nome di Dio invano>> e la conseguente lapidazione prevista da tutte e tre le religioni per chi si macchia di questo peccato mortale! Ma solo i musulmani pretendono di applicare questo precetto!

La differenza qual è?! La differenza tra Cristianesimo e Islam la fa quel fenomeno sviluppatosi in Europa verso il 1784, in base al quale – da Wikipedia: «L’Illuminismo è l’uscita dell’uomo dallo stato di minorità che egli deve imputare a se stesso. Minorità è l’incapacità di valersi del proprio intelletto senza la guida di un altro. Imputabile a se stesso è questa minorità, se la causa di essa non dipende da difetto d’intelligenza, ma dalla mancanza di decisione e del coraggio di far uso del proprio intelletto senza essere guidati da un altro. Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza! È questo il motto dell’Illuminismo.

La gran parte degli uomini, pur essendo stati creati liberi dalla Natura si accontenta molto volentieri di rimanere “minorenne” per tutta la vita. Questa condizione è dovuta o a pigrizia (non assumersi le proprie responsabilità, è una scelta comoda), o a viltà (non si ha il coraggio di cercare la verità). In ogni caso il risultato di questa non-scelta è la facilità per i più scaltri (o i più potenti) di erigersi ad interessati tutori di costoro.

Se io ho un libro che pensa per me, se ho un direttore spirituale che pensa per me… io non ho più bisogno di darmi pensiero di me. Non s’impara a camminare senza cadere, ma questo li terrorizza, per cui rimarranno infanti per tutta la loro vita>>:

La conclusione di questo processo è stato che in Europa c’è stata la separazione tra Stato e Chiesa, processo che non si è verificato negli stati teocratici!

E’ ovvio che ogni riferimento non è puramente casuale!!!

In poche parole se nel Corano ci fosse scritto che la Terra gira attorno al Sole i mussulmani dovrebbero credere che la Terra gira attorno al Sole, altrimenti peccherebbero!!!

Ma Noi sappiamo che l’approccio dell’uomo verso la religione non è di tipo logico ma si basa sulla fede, cioè non vale il principio;<< cogito ergo sum, penso dunque sono>>!

Tuttavia la cultura occidentale, proprio in virtù di quel processo precedentemente descritto, antepone la difesa della vita contro qualsiasi imperativo contrario anche se di natura religiosa. Con questo non voglio dire che la cultura occidentale sia superiore a quella islamica, basti solo pensare a quello che hanno combinato i nazi-fascisti, ma costoro partivano da presupposti politici per colpire la religione e non viceversa(?!) Demente era l’ideologia in se!

Il radicalismo islamico, come il sionismo in Israele partendo da presunte convinzioni religiose, vogliono trasformare la politica in uno strumento di offesa tra popoli, mentre l’illuminata cultura capitalista in nome del profitto usa la politica per colpire la religione, i conti tornano no!?

Credo nella coesistenza tra arbìtri differenti, e non oserei mai offendere chi ha delle convinzioni religiose consolidate diverse dalle mie, anche se penso che quelle convinzioni siano stupide, ma se quelle convinzioni oltre a essere stupide, sono anche violente, allora presumo che ci sia bisogno che qualcuno faccia capire all’altro che non va bene così!!! La difesa della vita va anteposta a qualsiasi principio anche se esso sia di natura religiosa! Ma è difficile che da una equilibrata interpretazione dei testi sacri, possa scaturire un principio di violenza dell’uomo contro l’uomo!

Mi spiego con un esempio: Se io per ragioni di lavoro e insieme a me centinaia di migliaia di altri italiani, non trovando lavoro in Italia, ipotesi verosimile, fossimo costretti ad emigrare in un altro paese, ad esempio la Germania, e in questo Paese troveremmo un lavoro per vivere una vita dignitosa e onesta, a quale conclusione io dovrei arrivare?! :<< Che il sistema tedesco è migliore di quello italiano>>! Giusto?! Quindi a me cosa servirebbe quel bagaglio ideologico che ha reso o sta rendendo il mio Paese sterile da un punto di vista economico, sociale, culturale ed etico?! Dovrei logicamente abbandonare un sistema che mi ha tradito per sposarne uno che mi ha dato tutto! L’evidenza dei fatti me lo imporrebbe, altrimenti che senso avrebbe se io in Germania continuassi a sostenere una cultura istituzionale italiana che oltre a non avermi dato nulla, sta portando il mio Paese alla rovina!!!

La rivincita di un emigrante è quella di riuscire a rifarsi una vita in un contesto culturale che non è quello di origine, un emigrante è uno sconfitto dalla società di appartenenza, perché mai costui dovrebbe sostenere all’interno di una società diversa dalla sua usi e costumi che oltre a non avergli dato nulla, contrastano contro quella società che accogliendolo gli ha dato onore e dignità?!

Come può un mussulmano che vive in Europa, avendo due figli un maschio e una femmina, pensare che la donna abbia meno diritti dell’uomo?! Porre la carne della propria carne in condizioni di umiliazione solo perché bisogna rispettare degli usi che non hanno nessun riferimento logico in assoluto e in particolar modo nella società di cui essi fanno parte e che hanno liberamente eletto a propria Nazione?!

Ed è proprio questo quello che vorrei dire ai mussulmani quando vanno a vivere in paesi non islamici!!!??

Annunci

Read Full Post »

crateri

il blog di eliana petrizzi

Photo Designer and Art Interior

L'Arte della fotografia intesa come espressione di vita.

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

La mia camera con vista

Un bel posto da dove guardare il mondo

Belinda Raffaeli

Sta Per Nascere Una Stella

Marco Guzzini - Tratti e Spunti

Storie, Inchiostro e Illustrazioni

PROFUMO DI DEMOCRAZIA E LIBERTA'

Verità e coerenza senza sconti per nessuno

Samantha Perazzani

Hotel, Resorts & Brands Advisor

fotografia najwidoczniej realna

Wszystko, co nie pozwala przejść obojętnie...

Célebes 3.0

La versión 3.0 (beta) de Célebes

Spunti da asporto

(Oggi mi sento un igloo. Ma non lo sono)

Paradiso con due dita...

nulla è sprecato se fatto con amore =-)

federicabiasco.wordpress.com/

Mi sento un po' come un contenitore di chiacchiere, come una cassetta della posta, tutti ci imbucano qualcosa e poi se ne vanno più leggeri, mentre io mi sento sempre più pesante.

Solo per amore

La vita, l'universo e tutto quanto

mammacomepiove!

Donna. Mamma. Sognatrice. In proporzioni variabili.

ALIENA COME TE

Perché non nasciamo con il manuale d'istruzioni

susabiblog

Mi piace tramutare in parole e immagini i miei sogni

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitré

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

byluis7

« me arrodillo por las noches ante tigres que no me dejarán ser - lo que fuiste no será otra vez - los tigres me han encontrado pero no me importa. »

Arte&Cultura

Arte, cultura, beni culturali, ... e non solo.

Le 5 stanze

La "mia" poesia e la "mia" e la "mia". L'epoca e le sue poemie. P.Celan

Unreliablehero

libri e storie di eroi imperfetti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: